Di Matteo e i precari della Provincia: «fu incontro fortuito»

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1226

PESCARA. Nei giorni scorsi il candidato presidente alla Provincia di Pescara per Rifondazione Comunista, Sandro Di Minco, aveva contestato Donato Di Matteo per un incontro avuto con i precari della Provincia.

I lavoratori, infatti, avrebbero riferito a Di Minco di aver parlato con Di Matteo che si era presentato come «delegato» del presidente De Dominicis. Ma lo stesso De Dominicis aveva smentito la cosa, diffidando chiunque ad assumere ruoli da lui mai designati.
Oggi è la Cgil, Funzione Pubblica, a spiegare come sono andate le cose lo scorso 22 maggio.
Si parla, adesso, di un incontro «fortuito» al quale avrebbero partecipato anche Moreno di Pietrantonio, capogruppo del Pd al Comune di Pescara, e Antonella Allegrino, candidata presidente per il centrosinistra.
«Avevamo organizzato un sit-in insieme ai lavoratori precari della Provincia di Pescara (67 unità da stabilizzare, impiegate principalmente nei settori Politiche del Lavoro e Politiche Sociali)», spiegano dal sindacato, «per consegnare una lettera aperta agli assessori provinciali prima della riunione di Giunta fissata per tale data e avente ad oggetto proprio la stabilizzazione, in risposta anche alla richiesta di soluzione avanzata in merito dal Consiglio Provinciale».
Presso la sala Giunta della Provincia, poi, spiegano ancora dalla Cgil, «si veniva a conoscenza che si era svolta e conclusa da poco la presentazione delle liste di centrosinistra per le elezioni Provinciali e si coglieva l'occasione per far incontrare una delegazione di precari e rappresentanti sindacali con i candidati del centrosinistra Antonella Allegrino e Moreno Di Pietrantonio, accompagnati da Donato Di Matteo. Durante l'incontro, allestito si ribadisce, sul momento, viste le fortuite e favorevoli circostanze, gli esponenti del centrosinistra comunicavano alla delegazione dei precari di aver avuto notizia che l'amministrazione Provinciale avrebbe presto posto in essere gli atti necessari al completamento delle procedure di stabilizzazione».
Poco dopo «si ha notizia che la Giunta riunitasi poco dopo approvava la variazione di bilancio necessaria per la conclusione delle procedure di stabilizzazione».

26/05/2009 9.23