Inglese aggredito a Sulmona, Procura apre inchiesta

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1122

SULMONA. La magistratura ha avviato un'inchiesta contro ignoti, in cui si ipotizza il reato di lesioni nei confronti di Richard Soar.


L'uomo, un inglese di 59 anni, divorziato e con due figli, è stato trovato mercoledì pomeriggio nel giardino della sua abitazione, privo di sensi e seminudo con un aneurisma cerebrale in atto.
L'uomo è adesso ricoverato in gravissime condizioni nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale di Avezzano e lotta tra la vita e la morte.
Dagli esami eseguiti dai medici dell'ospedale marsicano (una tac e una angiografia) sarebbe stato escluso che la patologia di cui è vittima l'inglese possa essere ricollegato a un trauma o a lesioni. Sul suo corpo non sono stati trovati segni di violenza. La sua casa è stata posta sotto sequestro e i due pastori abruzzesi che erano a guardia della casa sono scomparsi.
Ad avvertire i carabinieri è stato un agricoltore della zona che stava passando con il trattore davanti alla villa e si è accorto del corpo nudo sul prato.
L'uomo, è ex capitano della Royale marines in pensione, era arrivato in Valle Peligna nel gennaio del 2008 dopo aver acquistato due villette tra Sulmona e la frazione della Badia, ai piedi del Monte Morrone. Tra le sue aspirazioni c'era quella di aprire un bed & breakfast
16/05/2009 10.08