«Degrado e illegalità». Il caso del Rione Pineta a Pescara

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

911

PESCARA. Antonio Taraborrelli, ex consigliere della circoscrizione 2, ha messo in risalto la situazione di «degrado assoluto» di uno dei rioni storici più importanti di Pescara, quello della Pineta.


In alcuni casi il degrado è sfociato in «illegalità diffusa», difficilmente arginata dalle forze dell'ordine, in larga parte compiuta da extracomunitari.

IL CASO DELLA PINETA. ILLEGALITÀ E CASE DI NESSUNO

Le due ville adiacenti l'ex Aurum site in via D'Avalos a Pescara, già sgomberate con un blitz dei Carabinieri, sono tornate a popolarsi negli ultimi giorni di extracomunitari.
Nella notte residenti e passanti sono stufi del solito furtivo viavai di gente che raggiunge le ville passando la recinzione divelta in più punti.
Stesso “traffico” su viale della Pineta.
Nei due villini di via Figlia di Iorio, invece, è scomparso il cartello che annunciava i lavori di ristrutturazione da parte dell'impresa di Carlo Toto, committente dell'opera.
Nei siti nel frattempo sono manifesti i segni dell'abbandono.
Topi, una grande tettoia di amianto mai rimossa e ciarpame diffuso.
Certamente tutto ciò non lascia fare bella figura ad uno dei più antichi rioni storici di Pescara, popolato da troppo tempo da disperati, tossicodipendenti e prostitute.

ROTATORIE ED ERBACCE. PROBLEMI IN VIA DELLA BONIFICA

Alcuni cittadini, senza risposta, hanno segnalato al Comando di Polizia Municipale di Pescara la pericolosità della rotatoria posta alla confluenza di via Lago Isoletta con via della Bonifica.
La congiunzione stradale, oltre ad essere pericolosa di suo, presenta fondo stradale sconnesso, instabilità e presenza di buche.
Anche i marciapiedi sono abbandonati al degrado più totale con la proliferazione di erbacce che costringono i pedoni ad invadere la sede stradale con conseguente pericolo.
Problema erbacce, che superano addirittura il metro e mezzo d'altezza, presente anche nel rione Pineta per chi entra in città da Sud via della Bonifica.
In alcuni punti, come in precedenza per la rotatoria, i marciapiedi sono impraticabili.
Nella zona Pescara Sud il bollettino delle erbacce è eloquente.
Nell'ex Camping Albertini sul lungomare sud queste raggiungono quasi i due metri di altezza.
In zona Pineta invece un metro e mezzo di erbacce in viale Scarfoglio, viale Primovere, via Luisa D'Annunzio e viale Modesto della Porta.
Nel parco D'Avalos superato in alcune zone il metro d'altezza.

08/05/2009 10.53