Il ponte del mare è troppo basso? Il Comune smentisce

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

3680

Il ponte del mare è troppo basso? Il Comune smentisce
PESCARA. Se è vero che tutti i nodi vengono al pettine questo sembra un nodo ben stretto che di sicuro poteva essere analizzato con attenzione molto tempo fa. Ed ora l’eventuale scivolone potrebbe costare davvero caro.
La notizia di oggi è un vertice alquanto urgente per discutere dell'altezza del ponte, o meglio della campata del ponte del mare, quello in costruzione e spasmodicamente voluto dal sindaco Luciano D'Alfonso. La campata sarebbe troppo bassa e ostacolerebbe il passaggio dei pescherecci più grandi e della draga che normalmente e periodicamente aspira la sabbia in eccesso per rendere navigabile il fiume.
Una grana da quaranta che spunta solo ora a cose già fatte in gran fretta, quando manca solo l'ultima giuntura di collegamento tra i due piloni.
Una situazione che se verificata e confermata potrebbe ripercuotersi sulla amministrazione uscente.
Magari potrebbe in qualche modo costituire l'evento scatenante per guardare meglio e con attenzione quanto accaduto sulla vicenda.
Chissà che questa nuova non determini l'accelerare dell'inchiesta penale già in corso anche su questa opera così avversata.
«Il ponte sarebbe mal progettato, realizzato con una fretta inadeguata e ora c'è il rischio concreto di uno stop prolungato. Fino a ieri», ha detto il candidato sindaco Albore Mascia, «era incompatibile con la permanenza di molti pescherecci all'interno del Porto canale, oggi addirittura incompatibile con la presenza e il lavoro della draga».
E' vero che le contestazioni si sono sollevate fin dal primo giorno e da quando il Comune voleva affidare direttamente l'appalto della costruzione al progettista che poi ufficialmente avrebbe regalato il progetto (altra similitudine con il Wine Glass).
Tra l'altro l'opera così tanto elogiata da D'Alfonso (tanto da sorvegliarla a vista quotidianamente anche dopo il suo arresto) doveva essere inaugurata ieri ed invece…
Mascia oggi ripete: «pretendiamo chiarezza e spiegazioni dalla giunta comunale uscente e dal nutrito staff di tecnici che ha redatto quel progetto».
I primi sospetti erano sorti già alcune settimane fa quando il dirigente comunale responsabile dell'opera aveva annunciato un ritardo nell'inaugurazione della struttura per la necessità di adeguare il ponte a presunte ‘prescrizioni ministeriali', stranamente non previste.
In teoria solo la rampa ciclabile sarebbe stata aperta per metà maggio per essere utilizzata nel corso dei Giochi del Mediterraneo; per la rampa pedonale sarebbe stato necessario attendere luglio.
Ora si scopre l'ennesima sorpresa: se verrà montata la campata centrale del ponte non potrà essere eseguito il dragaggio del porto canale perché la stessa draga è alta 18 metri, ossia 4 metri in più dell'altezza massima della nuova struttura.
Due le soluzioni: fermare il dragaggio («ipotesi assurda e improponibile viste le condizioni in cui versa lo scalo merci e l'area pescherecci», sostiene Mascia) oppure sospendere i lavori di costruzione del ponte, consentire il dragaggio e poi riaprire il cantiere che ovviamente non si chiuderà in tempo per i Giochi.
«Qualunque sarà la soluzione adottata», conclude Mascia, «a pagarne le conseguenze sarà comunque Pescara che rischia o di veder interdetto il porto alla navigazione o di ereditare una pesante incompiuta dalla giunta comunale uscente, rimediando l'ennesima brutta figura a livello internazionale, un'ipotesi che non può chiaramente renderci felici».
La terza ipotesi, come ha detto Albore Mascia, «potrebbe essere quella di chiedere all'impresa di reperire sul mercato una draga più bassa, appena di 12 metri, operazione che comunque provocherebbe un ritardo nell'inizio dell'escavo del porto e lo dilaterebbe nel tempo: una draga più piccola ha bisogno di più tempo per eliminare migliaia di metri cubi di fanghi. Non solo: il problema chiaramente si riproporrà in futuro, quando il porto dovrà ancora essere dragato e comunque il Ponte, eventualmente finito, non consentirà il transito dei grossi mezzi. Non sappiamo se sia stato commesso un errore di progettazione, sicuramente c'è stata superficialità nelle valutazioni che hanno condotto alla realizzazione di un'opera che rischia di divenire un simbolo negativo per la città. Sicuramente non consentiremo che su questa vicenda cali di nuovo il silenzio e pretendiamo spiegazioni ufficiali dalla giunta comunale».

06/05/2009 15.42

D'ANGELO:«NESSUN PROBLEMA DI ALTEZZA»

«Nel corso della riunione è stato evidenziato che l'altezza del Ponte del Mare di 15.50 mt non causerà alcun problema all'attività della draga che arriverà a 14,80 mt nel suo albero più alto». E' la precisazione del vice sindaco Camillo D'Angelo che dunque smentisce ogni tipo di problema circa l'altezza del ponte.
Al termine della riunione è stato deciso inoltre di fissare per venerdì 8 maggio la conclusione dei lavori di dragaggio del Porto Turistico, che impedirebbero altrimenti qualsiasi operazione di predisposizione della vasca per ricevere le nuove sabbie provenienti dal Porto Canale.
Tra lunedì 11 maggio e sabato 16 maggio il Comune di Pescara ultimerà le operazioni di prelievo delle sabbie di dragaggio provenienti dal Porto Turistico, idonee al ripascimento e destinate al litorale, creando ulteriore spazio all'interno della vasca di colmata e per ricevere i nuovi fanghi del Porto Canale.
Da mercoledì 13 maggio la ditta esecutrice dei lavori inizierà l'allestimento del cantiere sulla banchina di Levante e, a partire dal giorno successivo, giovedì 14 maggio, avvierà le operazioni di bonifica del fondale.
Il 15 maggio la ditta inizierà le operazioni di arginatura della vasca di colmata, necessarie per realizzare una struttura capiente e tale da impedire dispersioni di materiale a mare. A partire sempre dal 15 maggio verrà realizzata anche una vasca temporanea per lo stoccaggio provvisorio delle sabbie destinate alla vasca di colmata. Al termine di questa fase avranno inizio le operazioni di dragaggio.

06/05/2009 17.39


[url=http://www.primadanoi.it/search.php?query=ponte+del+mare&mid=6&action=showall&andor=exact]LA TRAVAGLIATA STORIA DEL PONTE DEL MARE[/url]