Vasto, approvato il protocollo per il piano strategico

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

737

VASTO. Presentazione ufficiale, ieri mattina, a Palazzo di Città, dell’approvazione del Protocollo d’intesa per la formazione di un Piano Strategico intercomunale di area vasta.

L' iniziativa è stata promossa dalla Regione Abruzzo che, con apposita delibera, nell'ambito delle risorse del Fas (Riserva aree urbane) ha attribuito alla macroarea di Vasto e San Salvo la somma di 200 mila euro per una apposita redazione di piano strategico.
Si tratta di uno strumento partecipato nella definizione delle linee di sviluppo per tutti i settori: urbanistico, ambientale, turistico, sociale-economico e quant'altro possa essere preso in considerazione per la valorizzazione di quelle che sono le vocazioni territoriali.
Ad incontrare i giornalisti i sindaci Luciano Lapenna e Gabriele Marchese. Incontro che ha preceduto solo di qualche giorno la conferenza pubblica che si terrà sull'argomento venerdì prossimo, 8 maggio, alle ore 17, a Palazzo D'Avalos.
«Si tratta di un Piano – ha anticipato il sindaco Luciano Lapenna – che riguarda assi ed obiettivi che sempre più vogliono vedere i comuni uniti grazie a dei servizi integrati. Molto importante è la collaborazione con l'Università Gabriele D'Annunzio che, grazie alle proprie competenze, costituisce un riferimento ineludibile in particolare per quanto attiene la programmazione e l'assetto del territorio. Come importanti saranno le competenze e le conoscenze acquisite dall'Associazione dei Comuni e dal Patto territoriale Trigno-Sinello».
Scendendo nello specifico, il sindaco di San Salvo Gabriele Marchese ha tracciato le linee guide del piano che sono il ripensamento delle aree produttive in termini di modernizzazione, di dotazioni territoriali e, in modo particolare, di logistica.
«A cominciare dalla variante della Statale 16 – ha detto Gabriele Marchese – per poi passare all'autoporto di San Salvo e al potenziamento dell'area portuale di Vasto. E poi la qualità della vita. Mi viene da pensare alla realizzazione di un centro integrato per la sicurezza ed al potenziamento dei servizi erogati dall'ospedale di Vasto. Ed infine l'ultima linea guida riguarda la salvaguardia ambientale che non può non passare dalla salvaguardia e dalla valorizzazione del Parco della Costa Teatina».

05/05/2009 10.04