False banconote americane, dieci arresti nel teramano

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1921

TERAMO. Sono state arrestate questa notte dieci persone dai carabinieri del nucleo antifalsificazione monetaria di Roma e del comando provinciale di Teramo.



L'inchiesta, coordinata dal sostituto procuratore di Teramo, Roberta D'Avolio, è cominciata nel febbraio 2008.
Gli inquirenti erano riusciti ad individuare nel teramano un gruppo di persone che riusciva non solo a tenere contatti per il rifornimento di valuta americana contraffatta, da San Marino fino a Panama, ma anche a "ripulire" il denaro con versamenti e cambi nelle banche del centro Italia.
Nel corso dell'indagine sono state sequestrate banconote false da 100 dollari Usa, per un controvalore complessivo di oltre 500.000 dollari, e sono state eseguite numerose perquisizioni tra Abruzzo, Campania, Marche e Umbria.
Poi la notte scorsa sono scattati gli arresti per spendita di banconote contraffatte. Hanno operato i carabinieri del reparto operativo del comando provinciale di Teramo, in collaborazione con i colleghi del comando antifalsificazione monetaria e del Field Office di Roma dello United States Secret Service.
A finire in galera sono stati anche otto teramani i coniugi Vittorio Orlando e Antonella Pagnozzi, di Ancarano, i fratelli Aldo e Massimo Levakovic, di Alba Adriatica, Luca Massimi, di Notaresco, Alberto Gobbetti e Nello Acciarri, di Martinsicuro, e Angelo Cirello, di Giulianova.
Secondo gli inquirenti erano proprio loro i terminali italiani per la pulizia delle banconote da 100 dollari, perfettamente riprodotte.
I soldi venivano distribuiti in vari conti in banche del teramano, delle province di Perugia, Ascoli Piceno ed a San Marino.
Le operazioni erano eseguite dagli arrestati e la fattura dei dollari era talmente accurata che gli impiegati delle banche non si accorgevano della contraffazione se non alla conta del denaro attraverso i macchinari specializzati.
Gli otto arrestati ottenevano dall'operazione di cambio una percentuale del 20% dell'importo negoziato.

27/04/2009 14.55