Progetto Socapi, Adiconsum vuole fermare il valorizzatore di residui animali

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

913

PIANELLA. Alberto Corraro di Adiconsum Abruzzo ha scritto alla Provincia e al Prefetto di Pescara per fermare il valorizzatore di residui di origine animale che dovrebbe sorgere a Pianella.



Infatti la società SO.CA.PI. (gruppo di tre aziende operanti nel settore agro-alimentare) ha intenzione di localizzare questo impianto in contrada Nora, un'area agricola di pregio, con coltivazioni tipiche, dove scorre un tratto del fiume Nora.
Ha quindi chiesto all'amministrazione una Variante parziale al PRG vigente per la trasformazione dell' area in una nuova zona produttiva (D3).
Il 29 settembre scorso il Consiglio Comunale di Pianella si è pronunciato favorevolmente, in via preliminare, in merito alla richiesta della società con alcune prescrizioni tra le quali una sostanziale: “che sia precisata la natura degli impianti che saranno realizzati nell'area oggetto di Variante, con precisazione di eventuale previsione di impianti soggetti a V.I.A. ferma restando la tassativa esclusione degli impianti nocivi.”
«La svendita del pregiato territorio di Pianella ad opera dell'attuale amministrazione», spiega Corraro in una lettera che nei giorni scorsi è stata inviata al sindaco di Pianella, Giorgio D'Ambrosio, «per permettere l'insediamento in questione, non potrà che arrecare normi danni all'immagine di Pianella, cittadina capitale dell'olio d'Abruzzo».
«La qualcosa sarebbe senza ombra di dubbio una scelta deleteria che andrebbe a contaminare irrimediabilmente un territorio nel quale l'amministrazione provinciale qualche tempo addietro aveva intenzione di istituire un parco naturale», chiude l'avvocato di Adiconsum.
«La scelta denunciata avrebbe riflessi davvero negativi sia sulla salute dei cittadini consumatori, che rappresento, sia sullo sviluppo del territorio»
In Contrada Nora, infatti, ci sono uliveti, allevamenti di ovini e aziende agrituristiche che potrebbero promuovere e commercializzare i prodotti locali.

04/04/2009 12.31