Operazione Lazzaro, fermato traffico internazionale di stupefacenti

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1379

ASCOLI PICENO. Durissimo colpo inferto dai carabinieri di Ascoli Piceno che sono riusciti a stroncare, partendo da un piccoli pusher locali, un traffico internazionale di cocaina fra il Sudamerica, la Spagna e l'Italia.

L'indagine, molto complessa era partita nel marzo del 2008 quando l'Arma aveva arrestato un pusher locale con 200 grammi di cocaina.
Questi aveva la disponibilità di un appartamento di Martinsicuro (Teramo), che aveva affittato ad un siciliano, B.G. di 39 anni, il quale non solo è uno degli arrestati nell'operazione di oggi, ma anche un personaggio di "caratura internazionale" controllato anche dalla FBI e dalla DEA americana.
Le regioni dove sono state eseguite tra questa notte e la mattinata le 19 misure cautelari (in carcere, domiciliari e obblighi di dimora), emesse dal GIP del Tribunale di Ascoli, Annalisa Gianfelice, sono 5 : Lombardia, Marche, Abruzzo, Campania e Sicilia.
Lo stesso GIP ha anche emesso 7 mandati di arresto europei, (MAE), alla quale in queste ore sta dando esecuzione la polizia spagnola, e per il quale un trafficante è già stato fermato in Slovenia.
Tra gli arrestati figurano tre colombiani, due domenicani, un nigeriano e un marocchino, oltre ad un portoghese.
Questo ha ricevuto il mandato d'arresto in carcere, a San Vittore, a Milano, dove incredibilmente, attraverso lettere e telefonate scritte e svolte con un linguaggio criptico, era riuscito a coordinare un traffico di cocaina dal suo paese d'origine all'Italia, e in particolare la Lombardia.
Il canale di traffico fra il Sudamerica e l'Italia era gestito direttamente da un'organizzazione sudamericana, che attraverso due corriere colombiani che facevano tappa in Spagna, riforniva il mercato italiano.
I carabinieri italiani non sono riusciti però a sequestrare nessun quantitativo di stupefacente.
In un solo caso, a Verona, un veicolo che sembrava destinato al trasporto di droga, al controllo era risultato trasportate solo 130 chili di gesso.

03/04/2009 16.01