Fiume Aterno, Di Paolo: «serve intesa per tutela territorio»

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1364

L’AQUILA. Vasche espansione: incontro questa mattina tra l’assessore Di Paolo e il sindaco di Cepagatti

I problemi legati alla realizzazione delle vasche di espansione del fiume Aterno-Pescara - il cui progetto è già stato definito dal Commissario straordinario per l'emergenza del Fiume Aterno Pescara Adriano Goio - sono stati al centro di un incontro che l'assessore ai lavori pubblici, Angelo Di Paolo ha tenuto con il sindaco di Cepagatti, Francesco Cola, l'assessore comunale Francesco Santuccione, il Commissario Goio e il consigliere regionale Lorenzo Sospiri.
Nel corso della riunione gli intervenuti hanno preso atto della necessità di realizzare con urgenza le vasche per mettere in sicurezza la città di Pescara e tutta la parte fociale del fiume che attualmente è esposta a rischi di esondazione. Gli amministratori comunali hanno però, evidenziato, che «l'indubbio carattere di necessità e pubblico interesse dell'opera» finisce col gravare interamente sul territorio di un unico comune.
Il territorio di Cepagatti verrebbe da solo a sostenere l'onere della messa in sicurezza idraulica della parte terminale della vallata del Pescara.
A tale disponibilità dovrebbe corrispondere un riconoscimento per la popolazione.
Il Commissario Goio si è detto disponibile a trovare una soluzione d'intesa con Regione ed enti territoriali.
«Ho chiesto di estendere il tavolo anche alla Provincia - ha dichiarato l'assessore Di Paolo - per definire un'intesa complessiva che salvaguardi il territorio dal punto di vista della sicurezza e che consenta al Comune di creare un centro che sia utile al Comune per i giovani e le associazioni no profit di quel territorio».

03/04/2009 13.28