Violenza sessuale a Popoli: pensionato nei guai per due tentativi

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1449

POPOLI. La sera di Natale adescò un giovane 22enne da lui conosciuto con l’intento di appartarsi nel bagno di un bar di Popoli.


Questa è l'accusa che ha portato in carcere un pensionato 61enne di Popoli, il quale mentre si trovava in un bar del centro, con un pretesto fece avvicinare nell'antibagno un giovane del luogo che conosceva.
Il pensionato riuscì a portare il giovane all'interno del bagno dove lo avrebbe minacciato con la forza il ragazzo pretendendo un rapporto sessuale.
Il giovane impaurito e sconvolto sarebbe riuscito a dimenarsi, ad aprire la porta e a scappare via fuori dal locale.
Confidatosi con i familiari, il 22enne si è poi convinto a denunciare ai carabinieri di Popoli l'accaduto. I militari hanno così avviato una serie di indagini per accertare i fatti.
Proprio durante tali indagini sono riusciti a ricostruire un altro episodio dello stesso genere di cui il pensionato si era reso responsabile nei confronti di una 19enne, pure del luogo.
I carabinieri infatti avrebbero scoperto che nell'agosto 2008, allo scopo di farle compiere dei lavori domestici, aveva attirato nella sua abitazione - dove vive da solo – la ragazza facendole delle avance pesanti fino a palpeggiarla e a pretendere di avere con lei rapporti intimi.
Anche in questo caso l'aggressore non sarebbe riuscito nel suo intento per la pronta reazione della ragazza che si precipitò fuori dall'appartamento.
Gli inquirenti parlano di «concreti elementi» tali da indurre il pm Giuseppe Bellelli a chiedere al gip l'emissione dell'ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti del pensionato.
Questa mattina i carabinieri di Popoli, coordinati dal capitano Cosimo Lamusta, lo hanno tratto in arresto conducendolo nel carcere di Pescara dove sarà interrogato dal giudice Maria Michela Di Fine.

31/03/2009 19.09