Utap e Distretto sanitario in arrivo a Pescara

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

759

PESCARA. Pescara avrà la sua prima Unità Territoriale di Assistenza Primaria (Utap) e anche il suo Distretto sanitario di base a sud della città.


Lo ha assicurato il manager Asl D'Amario nel corso del sopralluogo di ieri effettuato con la Commissione consiliare Sanità presso lo stabile che dovrebbe ospitare il nucleo di assistenza primaria, situato tra via San Marco e via Musone, nel quartiere San Donato.
«Entro 18 mesi sarà pronto il Distretto, che, superato il contenzioso con i proprietari del terreno, sorgerà sempre in via Rio Sparto; per l'Utap Asl e Comune dovranno invece solo concordare gli ultimi minimi interventi di adeguamento dell'edificio», ha annunciato il consigliere comunale del Popolo della Libertà, Guido Cerolini, al termine del sopralluogo che la Commissione consiliare Sanità ha effettuato ieri presso il fabbricato di proprietà dell'amministrazione comunale, futura sede dell'Utap.
«Il dottor D'Amario ha innanzitutto ritenuto adeguata la scelta dell'immobile di via Musone – ha riferito il consigliere Cerolini – per ospitarvi l'Unità di assistenza primaria, un poliambulatorio capace di erogare varie prestazioni, grazie alla presenza di medici di base, pediatri, specialisti, infermieri e guardia medica».
Per l'utilizzo del fabbricato, oggi vuoto, sono necessari pochi interventi, come la realizzazione di un ascensore e il completamento dell'impianto elettrico.
L'Utap, una volta avviata, dovrebbe garantire la presenza di uno sportello amministrativo per la prenotazione e per il pagamento dei ticket, di un medico di continuità assistenziale di turno durante le ore notturne e nei giorni festivi, di un laboratorio di diagnostica strumentale di primo livello, composto da un ecografo multifunzione e un elettrocardiografo, di un'aula di formazione, e infine di un punto prelievi.
«L'obiettivo», ha spiegato Cerolini, «è quello di snellire le liste di attesa del Cup presso l'ospedale civile e soprattutto permettere agli utenti di ricorrere al nosocomio solo per gli stati acuti, evitando di doversi rivolgere al Pronto soccorso per ogni minima prestazione».
Ma non basta: «tra appena 18 mesi Pescara sud avrà anche il suo Distretto sanitario: il manager D'Amario, nel corso del sopralluogo, ha infatti ufficializzato la chiusura del contenzioso con i proprietari del terreno di via Rio Sparto, individuato per la realizzazione dell'immobile, e oggi divenuto di proprietà dell'Azienda sanitaria. L'opera di costruzione è già stata cantierata e verrà completata entro un anno e mezzo al massimo, mettendo a disposizione di una larga fetta di popolazione un Organismo fondamentale per l'assistenza dei pazienti».
Intanto, nei prossimi giorni si riunirà in Comune un Tavolo tecnico per programmare i lavori di ristrutturazione del fabbricato tra via San Marco e via Musone destinato all'Utap.

31/03/2009 10.06