Anziano trovato in stato abbandono: torna in libertà la moglie- badante

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

941

VASTO. E' tornata in libertà la donna russa, Elena Basova, 50 anni, arrestata nei giorni scorsi per tentativo di omicidio, lesioni aggravate e maltrattamenti.


La presunta vittima era il marito 78enne, un pensionato di San Salvo del quale fino all'estate scorsa era stata la badante. Poi i due avevano deciso di sposarsi.
Per il legale della donna, l'avvocato Nicola Artese, «l'interrogatorio di garanzia ha chiarito la posizione dell'indagata».
Per Basova, il Gip del Tribunale di Vasto Caterina Sallusti, ha deciso con ordinanza «la sostituzione della misura cautelare della custodia in carcere con l'obbligo di dimora».
I Carabinieri, intervenuti nell'appartamento della coppia, su segnalazione dei vicini insospettiti dal comportamento della donna e dai lamenti dell'anziano, avevano trovato l'uomo quasi privo di sensi: i rubinetti del gas aperti e l' appartamento ormai quasi saturo.
L'uomo, era stato trovato in condizioni di totale abbandono, ricoperto di bruciature di sigaretta e impossibilitato a muoversi per la frattura di un femore.
Secondo gli inquirenti la moglie avrebbe tentato di cagionare la morte dell'anziano consorte per asfissia, simulandone forse il suicidio.
Dopo il ritrovamento l'uomo è stato anche operato. La donna, invece, ha sempre respinto ogni accusa e sostenuto che le accuse che gli erano state mosse erano assolutamente infondate.

30/03/2009 11.03