Pineto, approvato il bilancio di previsione 2009

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1164

PINETO. La Giunta Comunale di Pineto ha dato il via libera al bilancio di previsione per il 2009 che verrà approvato in Consiglio nella prossima seduta utile.
Rispetto ad un anno fa, non c'è stato alcun aumento di tasse e tariffe a domanda individuale a conferma della politica di risparmio e di tagli alla spesa applicati dall'Amministrazione Comunale.
La tassa sui rifiuti solidi urbani resta ad 1,63 euro per metro quadro per le civili abitazioni.
«E' certamente inferiore rispetto ai Comuni di Silvi, Atri, Giulianova e Roseto», spiega la dottoressa Orietta Colleluori, dirigente del settore finanziario del Comune di Pineto, «l'Ici, l'imposta comunale sugli immobili, sulla seconda casa è del 7 per mille. Non avremo più il gettito sulla prima casa dopo il provvedimento di abrogazione del Governo centrale e sappiamo per certo che il mancato introito dell'Ici sulla prima casa non verrà purtroppo compensato con i trasferimenti dello Stato. Quindi, pur essendo in un momento di difficoltà finanziaria generale, il Comune di Pineto è riuscito ugualmente ad evitare l'aumento di tasse e tariffe».
A proposito di tariffe a domanda individuale, il Comune copre il 74 per cento dei costi necessari per sostenere alcuni servizi, come ad esempio la refezione scolastica, il trasporto scuolabus.
«In altre parole, l'introito che il Comune ottiene garantendo questi servizi», sottolinea la dottoressa Colleluori, «garantisce una copertura media del 26 per cento della spesa da sostenere. Nel caso del trasporto scuolabus, la copertura è appena del 13 per cento. Tutto il resto è a carico del Comune. Ciò nonostante la politica finanziaria applicata dall'amministrazione è stata quella di mantenere il costo del servizio ai cittadini invariato».
Più volte in passato è stata criticata dalle forze di minoranza la politica finanziaria del Comune. Ma recentemente la Corte dei Conti in una nota inviata all'Amministrazione Comunale e all'ufficio finanziario del Comune di Pineto ha sottolineato la solidità del bilancio pinetese.
«Certo», conclude la dottoressa Colleluori, «la Corte dei Conti parla del nostro bilancio in termini assolutamente positivi, sottolineando anche l'oculata gestione finanziaria».
Intanto, il piano delle opere pubbliche verrà portato avanti anche nel 2009 grazie ai fondi che verranno incassati attraverso la Bucalossi e ad un mutuo che potrà essere contratto con la cassa depositi e prestiti.
«La cosa che più mi ha infastidito in questi giorni», sostiene il sindaco Luciano Monticelli, «è che ci sono state strumentalizzazioni a proposito del debito che il comune avrebbe per via dei mutui. Ricordo per l'ennesima volta che nei miei 5 anni di amministrazione abbiamo contratto mutui per circa 8 milioni di euro. Tutto il resto appartiene a gestioni amministrative da 30 anni a questa parte. E poi abbiamo operato un investimento sulla nostra città. Contrarre un mutuo non significa sperperare soldi della collettività, ma migliorare il territorio. E su questo aspetto devo dire che abbiamo ottenuto grandi risultati».

26/03/2009 13.06