Approvata ristrutturazione Istituto comprensivo Papa Giovanni XXIII

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1015



PIANELLA. Via libera della giunta comunale di Pianella al progetto di riqualificazione e adeguamento strutturale dell'Istituto comprensivo Papa Giovanni XXIII, situato in via Villa de Felici, che ospita le classi di scuola materna, elementare e media.
Il progetto, redatto dall'amministrazione comunale con la collaborazione dell'architetto Sonsini e del geometra Cerritelli, è stato inviato ora all'esame del Governo per l'accesso ai fondi stanziati con un fondo speciale 2007/2009. Lo ha annunciato il sindaco di Pianella Giorgio D'Ambrosio dopo il nulla-osta dell'esecutivo.
«L'opera – ha detto il sindaco D'Ambrosio – rientra tra gli interventi messi in cantiere dall'amministrazione comunale per garantire la tutela e la sicurezza dei nostri ragazzi all'interno delle scuole del territorio, edifici che entro il 2010 andremo a rinnovare completamente, puntando soprattutto all'utilizzo delle nuove bio-tecnologie. Per l'Istituto comprensivo di Pianella, ospitato in un fabbricato di proprietà comunale che si sviluppa su tre livelli, i tecnici hanno previsto l'abbattimento delle barriere architettoniche con l'installazione di un ascensore di tipo oleodinamico, per collegare il piano seminterrato, con il piano rialzato e il primo livello, in modo da consentire anche agli studenti o ai docenti diversamente abili di muoversi senza limiti e ostacoli all'interno del manufatto, con libero accesso in tutti i locali e laboratori. Il programma di lavoro include poi il rifacimento di tutti gli infissi esterni, nati con lo stesso edificio, dunque inevitabilmente degradati e muniti di un vetro semplice: le vecchie finestre verranno ora sostituite con infissi in alluminio a taglio termico e con vetro isolante antinfortunistico. Una soluzione che da un lato ci consentirà un chiaro risparmio energetico, evitando la dispersione del calore, dall'altro ottimizzerà le condizioni di sicurezza degli studenti e del personale docente e non docente».
Complessivamente il costo dell'intervento ammonta a 271mila 648 euro, «somma – ha proseguito il sindaco D'Ambrosio – che andremo a reperire tramite l'accesso a un bando emanato dall'Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul lavoro e teso a finanziare proprio le opere di adeguamento degli edifici scolastici che ospitano classi di scuola media inferiore e superiore, anche se in ‘coabitazione' con classi materne o elementari. Il bando, studiato d'intesa con il Ministero del Lavoro e della Previdenza sociale, con il Ministero della Pubblica Istruzione e con gli Enti locali, punta a finanziare progetti che prevedano il miglioramento delle condizioni degli istituti scolastici sotto il profilo della normativa sulla sicurezza e l'igiene nei luoghi di lavoro e l'abbattimento delle barriere architettoniche”. Il progetto è già stato inviato all'esame del Dicastero lo scorso 20 marzo, “entro qualche settimana ci attendiamo l'approvazione del Ministero e l'erogazione del relativo fondo – ha ribadito il sindaco D'Ambrosio –. I lavori, secondo le previsioni, partiranno subito dopo la chiusura delle scuole e si svolgeranno in estate per non interferire con le lezioni e riconsegnare agli studenti, già il prossimo settembre, una scuola più adeguata alle cresciute esigenze del territorio».

26/03/2009 11.03