Uil Penitenziari: «urgente un piano carceri»

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1127

LANCIANO. In un anno si sono verificate 650 aggressioni ad agenti della polizia penitenziaria da parte di detenuti, di cui oltre ottanta hanno riportato prognosi di oltre venti giorni.



E' quanto denuncia la Uil-penitenziari dopo gli ultimi episodi di violenza avvenuti a Lanciano, Modena e Turi.
«Purtroppo anche taluni atteggiamenti come quelli assunti dal comandante di Lanciano, che ha invitato un agente ferito a recarsi in ospedale con l'auto privata e non con l'autoambulanza perché dava troppo nell'occhio, non aiutano il personale a recuperare serenità», spiega in una nota Eugenio Sarno, segretario generale della Uil Pa.
Sarnochiede al capo del Dap e al ministro Alfano di «accelerare sul piano carceri» il quale «da solo, però, non basta».
E' necessario, invece, «investire in sicurezza anche attraverso l'implementazione degli organici» ed inoltre - conclude Sarno - «prendere in considerazione la proposta di ridurre a sei mesi l'iter formativo per gli allievi agenti, in modo tale da avere entro giugno circa 250 unità disponibili».

18/03/2009 10.00