La Statale 86 completa e riaperta entro il 30 giugno

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

682

VASTO. La Statale 86 sarà riaperta al doppio senso di marcia entro e non oltre il prossimo 30 giugno.

E' quanto emerso ieri mattina al termine di un sopralluogo effettuato dal sindaco Luciano Lapenna e dai tecnici di Regione, Provincia, Protezione Civile e Genio Civile.
Erano presenti per il Comune il vice sindaco Nicola del Prete e gli assessori Vincenzo Sputore e Francesco Paolo D'Adamo.
La Provincia era rappresentata dall' assessore Francesco Piccolotti e dal Consigliere Provinciale Camillo D'Amico.
«Stiamo lavorando – ha dichiarato il sindaco – al fine di mettere in sicurezza l'importante strada che collega il centro della Città alla Marina. Si tratta di lavori che la Provincia di Chieti, di concerto con la Regione Abruzzo, inizierà in tempi ragionevolmente brevi in modo da non aver problemi durante l'estate».
Scendendo nello specifico dei lavori, il dirigente di settore della Provincia di Chieti, l'ingegnere Carlo Cristini, ha anticipato che si tratta di una opera di consolidamento del corpo stradale con una paratia di pali tirantati. La spesa prevista è di 235 mila euro. Lavori che, in futuro, riguarderanno anche il muro di Via Magnacervo che è da tempo in sofferenza. E' prevista, infatti, anche una rettifica planimetrica della intersezione tra la Statale 86 e Via Magnacervo.
La Statale 86, per il tratto in questione, è a senso unico dallo scorso 9 gennaio.
Tre anni fa la Provincia, con dei lavori di straordinaria manutenzione, ha risistemato tutto il manto stradale mentre due anni fa, sulle zone più pericolose, soprattutto nei pressi della Curva di Via Magnacervo, i lavori hanno riguardato la messa in opera di un asfalto drenante, utilissimo nelle giornate di pioggia.
Sempre ieri mattina un altro sopralluogo è stato effettuato dalla stessa delegazione lungo il costone sottostante la centralissima Piazza Marconi.
Si è trattato di una importante verifica dal momento che l'area in questione si trova in prossimità del centro abitato.
Anche qui è emersa la necessità di predisporre opportuni e tempestivi interventi per la messa in sicurezza di tutta l'area.

13/03/2009 9.46