Tv, a "Scherzi a Parte" di nuovo in onda la foto della donna deceduta

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

2037

Tv, a "Scherzi a Parte" di nuovo in onda la foto della donna deceduta
PESCARA. Il primo avvertimento non era valso a nulla. Il mese scorso una famiglia pescarese avesse diffidato la Mediaset e la redazione di "Scherzi a parte" per aver usato, senza alcuna autorizzazione, come scenografia di uno scherzo la foto della madre, morta circa tre anni prima.


Riconoscendo la foto, la figlia della donna aveva avuto un malore ed era finita al pronto soccorso, poi era scattata la diffida.
Ma non solo l'azienda non ha risposto alla nota legale ma l'immagine dell'anziana donna è stata usata anche una seconda volta, per un nuovo scherzo.
Infatti nella puntata di ieri del programma in onda su Canale 5, seguita da 5 milioni 767 mila spettatori (24,26% di share), è stato mandato un nuovo sketch con la stessa immagine: la maxi cornice dell'anziana, questa volta anche “animata”.
L'altra volta la vittima dello scherzo era stata l'ex miss Italia Cristina Chiabotto, ieri è stata la volta del centrocampista dell'Inter Dejan Stankovic.
Lo scherzo si concludeva proprio con il ritratto della donna che spruzzava acqua dall'occhio su uno dei complici.
Il calciatore credeva di esser rimasto chiuso in una casa in cui stava girando uno spot per un nuovo sistema di sicurezza.
La diffida era stata inoltrata dalla famiglia pescarese per «abuso di immagine altrui e violazione della legge sulla Privacy», avendo divulgato l'immagine senza alcun consenso degli eredi.
La foto della defunta, con ogni probabilità, è stata presa dal sito personale di uno dei nipoti che, poco dopo la morte della parente, le aveva dedicato un pensiero.
Lo scherzo a Stankovic era stato certamente già registrato ma forse poteva essere tagliato in modo che il quadro in questione non si vedesse.
Ma da Mediaset nessuna spiegazione.


RIGUARDA LO SCHERZO




[url=http://www.primadanoi.it/upload/virtualmedia/modules/bdnews/article.php?storyid=19046]LA DIFFIDA PRECEDENTE[/url]