A Chieti inaugurazione di un centro anti violenza

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1441

CHIETI. Si inaugura lunedì 9 marzo 2009, presso la sede provinciale del Comitato della Croce Rossa di Chieti, in via P. Falco n.1, alle ore 16.30, il Centro Antiviolenza: “proviAMOci insieME”.

Il Centro, frutto di un impegno congiunto della Consigliera di Parità della Provincia di Chieti, Giovina Tomassi, e del Commissario Provinciale della Croce Rossa di Chieti, Gabriele Perfetti, nasce per offrire aiuto e risposte concrete ai bisogni delle donne vittime di violenza, fenomeno inteso come emergenza sociale sempre più grave e drammatica, ne fanno fede i dati in forte aumento relativi alla regione Abruzzo, registrati dall'Istat.
Punto di arrivo di un percorso dedicato al fenomeno della violenza sulle donne, che l'Ufficio della Consigliera di Parità ha intrapreso assieme alle Istituzioni.
Per combattere il fenomeno e snidare gli abusi consumati all'interno delle mura domestiche le Operatrici del centro hanno avuto in loro attivo corsi di formazione.
«Il servizio – dice la Tomassi – affianca altre iniziative, avviate e realizzate sul territorio provinciale dall'Ufficio della Consigliera di Parità, tese a contrastare il fenomeno, quali: le Istituzioni in rete, lo sportello legale “Diamo una mano a tutti”, Corsi specialistici per riconoscere, prevenire e gestire la violenza, in collaborazione con il Corso di laurea in Scienze per l'investigazione e la sicurezza dell'Università degli studi di Perugia, servizi per la tutela e lezioni per l'autodifesa, il piano si colloca in un'azione più ampia realizzata dal decreto antistupro del governo, in data 20 febbraio 2009, che inserisce il reato di stolking con pene che vanno da sei a quattro anni, aggravato se il reato è commesso da un ex partner o marito, e l'obbligo della custodia cautelare in carcere per la violenza, con patrocinio gratuito per le vittime».
L'equipe di “proviAMOci insieME”, direttamente collegata con le Istituzioni, è costituita da professioniste volontarie, che svolgono nel centro un'attività in grado di offrire servizi di Accoglienza, Consulenza, Sostegno psicologico, Assistenza legale e Costruire progetti personalizzati per l'inserimento lavorativo delle vittime.
Il servizio è gratuito e garantisce l'anonimato.
L'inaugurazione sarà un'occasione per far conoscere al pubblico i servizi dei quali è possibile usufruire all'interno della struttura.
E' reperibile presso il Centro materiale informativo tradotto in lingue diverse compreso il cinese
27/02/2009 8.38