Denunciato nemico dei Telepass: 13 mila euro di pedaggi autostradali mai pagati

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1442

AVEZZANO. Negli scorsi mesi sono giunte alla squadra di Polizia Giudiziaria abruzzese alcune segnalazioni (poi formalizzate con atti di denuncia-querela) da parte dei Nuclei di Tutela Pedaggi della Strada dei Parchi e della Società Autostrade per l’Italia.


AVEZZANO. Negli scorsi mesi sono giunte alla squadra di Polizia Giudiziaria abruzzese alcune segnalazioni (poi formalizzate con atti di denuncia-querela) da parte dei Nuclei di Tutela Pedaggi della Strada dei Parchi e della Società Autostrade per l'Italia.
Al centro delle segnalazioni c'era sempre il conducente di una Volkswagen Golf che dall'ottobre 2006 all'ottobre 2008 è riuscito a passare nella pista Telepass senza pagare. Lo aveva fatto decine di volte sull' A/24, sull'A/25 e sull'A/14.
Il sistema escogitato era piuttosto semplice: il conducente si accodava a distanza ravvicinata (in modo decisamente pericoloso) ad un altro veicolo munito di Telepass e riusciva ad attraversare la pista del casello autostradale prima che la sbarra si richiudesse.
Il sistema però ha sempre riconosciuto automaticamente la violazione ed una telecamera ha ripreso il transito del veicolo.
Proprio da quelle immagini è stata ricavata la targa per l'inoltro all'intestatario dell'importo dovuto.
Le somme eluse dal conducente ammontano a circa 9 mila euro per quanto riguarda la Strada dei Parchi e circa 4 mila per la Società Autostrade per l'Italia, di cui il 52% circa destinato alla Stato.
Il veicolo è risultato essere intestato ad una società in liquidazione ed il conducente sconosciuto, almeno fino a quando il personale della Sottosezione di Polizia Stradale di Avezzano, guidata dal Sostituto Commissario Pisotta, è riuscita a rintracciare l'autovettura che è stata sequestrata in esecuzione di ben due provvedimenti già pendenti sul mezzo, emessi dalle Procure della Repubblica di Civitavecchia (RM) e Pescara.
Il proprietario è D.S.A. di anni 45, pluripregiudicato, che è stato denunciato per i reati di truffa ed insolvenza fraudolenta.
Il veicolo potrà essere confiscato e venduto nelle aste giudiziarie per soddisfare il debito contratto se il responsabile non provvederà a pagare le multe.


23/02/2009 11.04