Erosione Giulianova. Fiba: «intervenire prima che sia tardi»

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

586




GIULIANOVA. Sono trascorsi otto giorni dal sopralluogo effettuato dai tecnici comunali, dal Genio civile della regione Abruzzo sollecitato dalla Fiba Confesercenti riguardante il lungomare sud di Giulianova.
Il sopralluogo era stato chiesto per la verifica della situazione relativa all'erosione del tratto costiero.
Il Comune si era impegnato a chiedere tramite lettera al genio Civile, in attesa di un programma definitivo, di intervenire per la messa in sicurezza della zona con l' effettuazione di un rilievo topografico nel tratto a confine con il porto, per trovare della sabbia per un eventuale ripascimento dell'arenile.
«Ad oggi», contesta la Fiba, «questa richiesta non è ancora pervenuta. Ribadiamo con forza. che il settore necessita di interventi rapidi e concreti in quanto la stagione estiva alle porte, allo stato attuale non consente alle strutture che insistono nel tratto di iniziare a programmare la loro attività».
E' questo quanto scaturito dalla riunione di ieri tra la Fiba Confesercenti e i concessionari balneari della zona sud. «Il Comune», ha detto l'associazione di categoria, «non può non intervenire a difesa di questo tratto di costa. Ricordiamo ai candidati sindaco che l'economia di questa città si basa sul turismo e i balneatori sono il front-office dell'accoglienza . Non si può pensare allo sviluppo di questo settore senza interventi mirati nella tutela della costa e delle aziende».


20/02/2009 15.22