Sequestrati oltre 11 mila "Gratta e Vinci" falsi

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1042

TERAMO. Un’operazione della Guardia di Finanza di Teramo contro il fenomeno delle lotterie istantanee illegali si è conclusa con il sequestro complessivo di oltre 11 mila “Gratta e Vinci”non autorizzati dai Monopoli di Stato.

I militari del Nucleo di Polizia Tributaria, nell'ambito delle attività volte al contrasto delle violazioni sui giochi e scommesse, da tempo monitoravano le vendite dei tagliandi relativi a lotterie istantanee presso bar, edicole e cartolibrerie dell'intera provincia.
I tagliandi dei giochi a premi dai nomi invitanti avevano però delle anomalie. E' stato così per i biglietti de “Lo scrigno magico”, “Grande Sacco”, “Sette e ½”, “Tre e vinci” e lo “Zoo”: in alcuni casi i tagliandi richiamavano concorsi a premio già sospesi dall'amministrazione Finanziaria, mentre in altri casi i tagliandi si riferivano a concorsi sprovvisti dell'autorizzazione di legge.
Parrebbe, inoltre, che nel caso di vincita modesta, se il possessore avesse preteso il pagamento della vincita direttamente dal tabaccaio o in ricevitoria, con molta probabilità l'avrebbe incassata attraverso buoni acquisto o carte prepagate, da spendersi presso lo stesso esercizio commerciale. Il trucco, invece, sarebbe stato certamente scoperto in caso di vincita di elevati importi che vengono effettuati direttamente dai Monopoli.
Le conseguenti indagini hanno permesso alle Fiamme Gialle teramane, nella flagranza di reato, di estendere le operazioni e risalire al distributore dei tagliandi fuorilegge, individuato in provincia dell'Aquila, dove la sede della ditta sconosciuta al fisco e priva di qualsivoglia scrittura contabile, coincideva con un'abitazione.
L'intero quantitativo di biglietti è stato sottoposto a sequestro. Inoltre sono state denunciate, a piede libero, all'Autorità giudiziaria i 6 responsabili individuati, accusati, a vario titolo, dei reati di truffa aggravata ai danni dello Stato, frode in commercio ed esercizio abusivo di attività di gioco e scommesse.
Le indagini della Fiamme Gialle, proseguono ora sotto un profilo tributario, per ricostruire e sottoporre a tassazione il giro d'affari relativo alla lotteria.
19/02/2009 12.08