Rifiuti: salta udienza preliminare per sindaci Val Vibrata. Rinvio a maggio

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1193

TERAMO. E' stato rinviato al 12 maggio prossimo il processo a carico dei sindaci della Val Vibrata sull'affidamento alla Poliservice del servizio di raccolta e smaltimento rifiuti. Il reato contestato e' abuso d'ufficio.

Ieri per un cavillo legale è slittata l'udienza preliminare: Tutto rimandato di tre mesi. La storia risale a più di tre anni fa quando, sotto la presidenza di Iustini, la giunta procedette all'approvazione degli atti.
La procura della Repubblica presso il tribunale di Teramo a fine maggio del 2008 ha consegnato nove avvisi di garanzia, firmati dal pm Valentina D'Agostino, a carico di Marco Iustini sindaco di Colonnella ed ex presidente dell'Unione di Comuni, dell'ex responsabile del servizio gestione rifiuti intercomunale Iva Tassoni, dell'ex vice sindaco di Nereto Giampiero Masi e dei sindaci di Torano Nuovo Dino Pepe, di Sant'Egidio alla Vibrata Stefania Ferri, di Sant'Omero Ernano Fucilitti oltre a tre ex amministratori comunali Valerio Caserta (Alba Adriatica) Sergio Moroni (Nereto) e Nilde Maloni (Martinsicuro).
Sul caso si è già pronunciato il Tar che ha dato ragione all'Unione dei comuni. Se l'inchiesta amministrativa può dirsi conclusa, però, quella penale resta ancora in piedi.
Nel mirino della magistratura erano finite tre delibere di giunta risalenti al 2005 relative, la prima, all'acquisto delle quote della Poliservice da parte dell'Unione, la seconda all'affidamento del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani per i Comuni vibratiani consorziati e, infine, la terza all'adozione dello schema di contratto.
Secondo l'ipotesi dell'accusa questi atti sarebbero illegittimi perché l'Unione non avrebbe potuto diventare proprietaria della Poliservice e contemporaneamente affidare a questa società il servizio rifiuti.
A far uscire fuori i dubbi e a far scattare così l'inchiesta furono i Comuni di Corropoli e Sant'Omero che preferirono gestire il servizio dei rifiuti in proprio e non tramite l'Unione, visti anche i cattivi rapporti con Iustini.

19/02/2009 9.16