Scrutatori non pagati, «che fine hanno fatto i nostri soldi?»

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1450

PESCARA. A due mesi esatti dalle elezioni regionali alcune persone che hanno svolto il ruolo di scrutatore a Pescara devono ancora essere pagati.

Un paio di giornate di lavoro intenso già portate a termine e i soldi del rimborso ancora lontani.
Piccole somme che si aggirano intorno ai 120-130 euro che non sono ancora arrivati a destinazione. E non si tratta di un caso isolato.
«Chi come me ha prestato servizio come scrutatore al seggio elettorale non ha ancora visto un euro», ci racconta Giovanni. «Adesso mi chiedo che fine hanno fatto i soldi per lo svolgimento delle elezioni regionali di dicembre».
Tempi lunghi? C'è bisogno di aspettare? Ma quanto?
Sembrerebbe che i tempi per il rimborso non siano poi così lunghi, anzi il Comune avrebbe spedito già i primi assegni, addirittura oltre un mese fa, ma i diretti interessati non avrebbero ricevuto niente.
«L'Ufficio Mandati del Comune di Pescara ci ha detto di aver spedito assegni circolari più di un mese fa, ma, a sentire altri scrutatori che hanno svolto il servizio a nessuno di loro è arrivato mia niente».
Come è possibile? Un disguido delle poste? L'assegno è andato smarrito?
Ad una richiesta sul ritardo del pagamento della prestazione il Comune ha però detto che sono state tante le persone a sollecitare…sebbene l'assegno fosse stato spedito con posta prioritaria.
16/02/2009 12.46