Inquinamento atmosferico, Di Primio sollecita l’Arta

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1219

CHIETI. Il vicepresidente presidente del consiglio comunale di Chieti Umberto Di Primio ha scritto al Comune di Chieti e all’Arta per monitorare la qualità dell’aria presso la scuola elementare del Tricalle sita nella via dei Frentani di Chieti.

«Da martedì 3 febbraio», scrive Di Primio nella sua lettera, «presso e nella scuola elementare del Tricalle, si avverte un nauseabondo puzzo di gas. Tempestivamente, la responsabile del plesso ha allertato il Comune e chiamato i Vigili del Fuoco temendo una fuga di gas».
Nella mattinata di mercoledì sono iniziate le verifiche da parte dei Vigili e, successivamente, sono state effettuate anche dalla società Enel Gas. Dalle risultanze pare che non ci siano problemi di dispersione in ambiente di gas metano.
«Nelle aule della scuola», però, continua Di Primio, «soprattutto al primo piano e lungo la scala di accesso a questo, continua ad avvertirsi l'acre e fastidioso odore simile, effettivamente, come personalmente ho potuto verificare, a quello del gas metano».
Sul posto, esclusa, almeno per ora, la fuga di gas, sono intervenuti anche gli addetti comunali i quali hanno lavorato sulla rete fognaria dalla quale parrebbe provenire la puzza di “gas”.
«Visto che ad oggi», prosegui il vice presidente del consiglio, «nessuno (Comune, Vigili del Fuoco, Enel Gas, etc.) ha dato rassicurazioni ufficiali e documentate circa la non nocività e/o tossicità delle esalazioni in parola e dal momento che l'amministrazione non ha ritenuto sospendere l'attività didattica, seppur richiesto dalla maggioranza dei genitori e delle insegnanti» Di Primio chiede una rilevazione della tossicità dell'aria.

07/02/2009 13.38