Caso di meningite a Vasto. La Asl:«nessun rischio»

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

2431

VASTO. Nessun allarme e situazione assolutamente sotto controllo dopo il caso di meningite accertato nella notte all’ospedale “San Pio” di Vasto a carico di un bambino di cinque anni.

VASTO. Nessun allarme e situazione assolutamente sotto controllo dopo il caso di meningite accertato nella notte all'ospedale “San Pio” di Vasto a carico di un bambino di cinque anni. Giunto in pronto soccorso verso le 18.00 di ieri con sintomi da sospetta meningite (febbre, mal di testa) il piccolo è stato immediatamente trasferito presso l'Unità Operativa di Malattie Infettive del nosocomio vastese, dove, sottoposto a tutti gli accertamenti del caso, l'esame del liquor ha confermato la diagnosi di meningite batterica da meningococco.
Stamattina stessa il responsabile del servizio di Igiene e Sanità Pubblica del Dipartimento di prevenzione della Asl, dottor Claudio Turchi, si è recato nell'asilo privato frequentato dal bambino per effettuare l'indagine epidemiologica. Era presente anche il pediatra di riferimento della struttura scolastica.
Già oggi pomeriggio gli operatori del Servizio Sanità Pubblica incontreranno i genitori dei circa novanta bambini che frequentano l'asilo, insieme ai dieci operatori, in modo da avviare immediatamente una profilassi “a tappeto” che coinvolgerà tutti i piccoli e tutte le maestre.
Nel frattempo saranno avvisati anche tutti i pediatri vastesi in modo da prestare particolare attenzione a ogni sintomo sospetto.
«Grazie a tali misure di garanzia il rischio di epidemia è praticamente nullo», dicono dalla Asl, «al momento, quindi, la situazione è costantemente sotto controllo e non ci sono motivi di preoccupazione. Nel frattempo il bambino ricoverato, dopo essere stato sottoposto immediatamente a terapia antibiotica, sta meglio, è vigile e reagisce agli stimoli. Rimarrà in isolamento almeno fino a domani anche se, come è prassi in questi casi, la prognosi rimane riservata per le prossime 48 / 72 ore».
Lunedì è previsto un ulteriore incontro con i genitori di tutti i bambini che frequentano l'asilo nel corso del quale il primario dell'Unità Operativa di Malattie Infettive, la dottoressa Maria Pina Sciotti, illustrerà gli aspetti clinici relativi alla forma di meningite batterica diagnosticata.

29/01/2009 14.24