L’Aquila, istituita la Zru nel centro storico, allargata la Ztl

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1305

L’AQUILA. E’ stata istituita la zona di rilevanza urbanistica (zru) nell’area del quartiere di Santa Maria di Farfa, mentre è stata allargata la zona a traffico limitato ai vicoli situati nell’area di San Marciano.

La decisione è stata presa dalla giunta comunale dell'Aquila, che ha approvato la corrispondente delibera nell'ambito della riorganizzazione della circolazione nel centro storico della città, promossa dal sindaco Massimo Cialente.
La zru – la cui istituzione è prevista dal codice della strada, che consente ai Comuni di individuare delle aree nelle quali regolamentare il transito delle auto, tenendo conto delle particolari esigenze connesse al patrimonio architettonico e ambientale, nonché del traffico – ricomprende via Santa Maria a Forfona, piazza Matteotti, via Vincenzo Speranza, via Camerini, via Invalidi di Guerra, via Ludovici, via Bernardino Marinucci, via Vincenzo Manna, via Carlo Chiarizia, via Fortebraccio, via Caldora (da via Strinella fino a porta Bazzano) e piazzetta Bariscianello. Lungo queste strade sarà possibile formalizzare delle aree di sosta riservate ai residenti – pur non essendo le stesse inserite in una zona interdetta al traffico – e, proprio in virtù del riconoscimento di zru, la Municipalità potrà riservarsi di adottare provvedimenti specifici, mirati al miglioramento della viabilità complessiva, alla riduzione dell'inquinamento atmosferico e acustico e al possibile ampliamento dei parcheggi per chi abita in questa area.
L'esecutivo del capoluogo ha inoltre stabilito di inserire nella ztl C1 tutti i vicoli che uniscono via Roio (che resta aperta in direzione piazza Duomo) e via San Marciano (transitabile in uscita dal centro storico, verso via Persichetti). Il provvedimento della giunta contiene anche l'elenco completo delle strade e piazze inserite nelle aree pedonali, nelle varie ztl e nella nuova zru. L'elenco in questione sarà pubblicato da domani sul sito internet del Comune, www.comune.laquila.it.

28/01/2009 15.48