Potenziamento dei depuratori di Montesilvano e Cappelle sul Tavo

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

811

MONTESILVANO. Partiranno entro il mese di gennaio 2009 i lavori per potenziare e migliorare il funzionamento dei depuratori di Montesilvano e Cappelle sul Tavo.

Il progetto sarà finanziato dall'Aca, che stanzierà ben un milione di euro, e la Regione Abruzzo che erogherà circa 900 mila euro.
È quanto ha reso noto la Direzione dell'Azienda Acquedottistica di Pescara dopo la conferenza dei servizi svoltasi questa mattina presso l'Ato pescarese proprio per discutere del progetto di miglioramento dei due impianti di depurazione.
«Entro la fine del mese di gennaio, appena terminata la fase progettuale – ha continuato la Direzione dell'Azienda Acquedottistica di Pescara –, cominceranno i lavori per migliorare in maniera sensibile la funzionalità degli impianti di depurazione di Montesilvano e Cappelle sul Tavo».
In questo modo l'azienda, prima della stagione balneare, vuole migliorare le condizioni del depuratore di Montesilvano
che, assicurano, «sarà perfettamente funzionante consentendo anche di trattare gli scarichi delle migliaia di utenze in più che nel periodo estivo si riversano sulle spiagge della cittadina adriatica». Il progetto prevede investimenti per il potenziamento delle strutture già esistenti e l'acquisto di macchinari all'avanguardia che miglioreranno sensibilmente il funzionamento degli stessi impianti. A metà novembre la Forestale di Pescara, diretta dal comandante Guido Conti, aveva sottoposto a sequestro preventivo il depuratore di Montesilvano a causa del mancato rispetto dei limiti tabellari di depurazione delle acque relativa all'anno 2007, quando l'impianto era gestito dal Consorzio Considan.

Esattamente un mese dopo
è stato dissequestrato grazie a una ordinanza della Procura di Pescara che ha verificato che l'impianto risulta attualmente perfettamente funzionale, rispettando tutti i parametri previsti dalle legge sugli scarichi finali.
Nel registro degli indagati era stato iscritto Bruno Catena, ex presidente Aca, dimessosi qualche giorno dopo

14/01/2009 14.33