Il sindaco Cipriani ci ripensa, lui resta ma subito rimpasto in giunta

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

970

ROCCARASO. Il sindaco di Roccaraso, Armando Cipriani, dopo aver presentato le dimissioni dalla carica il 15 dicembre, fa marcia indietro e procederà al riassetto della Giunta.


All'origine dei problemi nella maggioranza c'era la contestazione dei genitori della frazione di Pietransieri che non hanno accettato le decisioni del sindaco sull'individuazione dell'Istituto Alberghiero di Roccaraso come scuola per accogliere le classi elementari e la materna dopo la chiusura della sede per inagibilità.
La protesta aveva creato una spaccatura all'interno della giunta. Da qui la decisione del primo cittadino di firmare le sue dimissioni.
Nella lettera protocollata la scorsa settimana davanti al segretario comunale, Cipriani aveva parlato di «mancanza di fiducia da parte dei componenti della maggioranza».
Poi è arrivata la marcia indietro. Niente commissario prefettizio ma semplice rimpasto di giunta.
Italo Spinosa e Luigi Altamura subentreranno agli assessori Giuliano Oddis e Denis Di Padova, ricevendo rispettivamente le deleghe ai Lavori Pubblici e Personale e Servizi.
La decisione, è arrivata dopo una riunione con i componenti della maggioranza consiliare, sarà resa nota dal sindaco oggi, durante la riunione di giunta.
«Ho ritenuto di dover riflettere sulla mia decisione di dimettermi», ha detto il sindaco, «e non mi
e' parso dignitoso lasciare il paese nelle mani del Commissario prefettizio che, non certo per mancanza di volontà, non può immedesimarsi immediatamente nelle problematiche e nel tessuto
sociale di Roccaraso. Ho ritenuto – ha concluso Cipriani - giusto e giustificato procedere al riassetto di giunta, visto che la vicenda dell'inagibilità della scuola, con gli attacchi che mi sono stati rivolti, era pretestuosa e non degna di provocare una crisi amministrativa».


22/12/2008 9.40