Anche le telecamere di "Unomattina" per lo "Stù in piazza"

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1061

MONTORIO. Giornate conclusive per lo "Stù in piazza", l'evento promosso dall'Associazione "XV del presidente, di Montorio (Te).

Per le giornate conclusive, arriveranno stamattina anche le telecamere del programma di Rai Uno "Unomattina", condotto negli approfondimenti del sabato e della domenica da Livia Azzariti, Antonio Lubrano e Sonia Grey.
Le telecamere dello storico contenitore televisivo accompagneranno sin dalla tarda mattinata le fasi finali del primo grande torneo di stù, al termine del quale verrà designato il "primo campione di stù" della storia. Undici finalisti, eletti negli undici siti in cui si giocava, si contenderanno il titolo. Le riprese andranno in onda domenica mattina.
A partire dalle ore 10.00 nella sala civica di piazza Orsini, verrà presentata la carta artistica di Montorio realizzata da Annarita Altieri per conto dell'Associazione "Il parco dei Piaceri". A seguire si terrà il convegno "Il dilettevole giuoco dello stù" al quale prenderanno parte storici e amanti del gioco. Pranzo in piazza con "I piatti dello stù in piazza". A partire dalle ore 15.00 tutti a scuola di stù in sala civica per apprendere le regole del gioco, mentre alle ore 16.00 le "gustose merende" in piazza Orsini. Seguirà il concerto bandistico della banda "città di Montorio". Alle ore 18.00 "Stù in piazza" animato dai figuranti della "Congiura dei baroni" e della scuola di danza "Erilù dance" con la contemporanea finale del torneo di stù. In serata, sarà possibile degustare "I piatti dello stù in piazza" in compagnia dello spettacolo musicale con "La cumpagnje candande" e visitare la "casa dello stù" (sala civica) che ospita la mostra "la storia dello stù".
Domenica, a partire dalle ore 9.15 si terranno le "colazioni itineranti" guidate dall'orchestra "New band Tossicia", mentre alle ore 10.00 tutti a scuola di stù in sala civica per apprendere le regole del gioco. Al termine aperitivo in musica nell'area "Mascherone manco di secchia".
A partire dalle ore 15.30 finalissima dell'Accademia dello stù con contemporanea rappresentazione figurata in piazza. Alle ore 18.30 l'animazione "Tutti matti per lo stù", con caldarroste di Senaria e vin brulè offerto dai gruppi Alpini della Provincia, farà da preludio a "I piatti dello stù in piazza" animati dal "Muso duro band".
Brindisi finale per questa "prima volta" del regolamento codificato, della scuola, del torneo e dell'accademia finalizzata alla promozione del gioco dello stù e dello spirito che lo caratterizza, espressione autentica di Montorio.

IL GIOCO DELLO STÙ

Conosciuto anche come gioco del cucco (perché giocato con la carte da cucco), di origini remote un tempo diffuso in gran parte d'Europa, sopravvive oggi in alcune zone agricole del nord Europa, nelle valli bergamasche, nel circondario di Montorio al Vomano e Campli e in Giappone dove ci sono iconografie che riproducono gli stessi simboli e le stesse diciture delle carte utilizzate in Italia. A Napoli, utilizzando le carte napoletane, tra i più anziani è ancora diffuso "il gioco del morto" con regole simili a quelle dello stù. Il gioco è singolare per carte, per svolgimento e per distribuzione geografica poiché si gioca con un mazzo di carte speciali che comprende 40 carte di 20 valori diversi, ognuno ripetuto: in totale due serie identiche di 20 carte.

20/12/2008 9.17