Mare-Monti, il Wwf insorge: «anche l'ambiente vittima degli scandali»

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1509

Mare-Monti, il Wwf insorge: «anche l'ambiente vittima degli scandali»
PENNE. Il Comune vuole convocare il Comitato della Riserva per "sanare" il progetto cambiando le regole dell'area protetta: il WWF ribadisce il suo no.
Dall'ordinanza del Giudice per le Indagini Preliminari sullo scandalo che sta colpendo la politica abruzzese emerge un quadro inquietante anche per l'ambiente, in particolare per l'Oasi Wwf del Lago di Penne, una delle più famose d'Italia.
Il famigerato progetto della SS Piceno-Aprutina, detta Mare-Monti, il cui cantiere era stato sequestrato dalla Procura su denuncia del Direttore della Riserva, è entrato nell'ordinanza che ha coinvolto il gruppo Toto e l'ex-sindaco di Pescara, come avevamo scritto ieri.
«Quello che emerge dalla lettura degli stralci dell'ordinanza riportati dalla stampa», commenta Dante Caserta del Wwf, «se confermato, sarebbe veramente incredibile».
Secondo De Ninis, sarebbe emersa da subito la consapevolezza che ci sarebbero stati problemi con i confini della Riserva e il progetto non fu mai sottoposto all'organo di gestione della Riserva.
Furono invece consegnate alla Regione cartografie che riportavano confini diversi da quelli ufficiali in cui il nuovo progetto risultava essere al di fuori dell'area protetta e della sua area di protezione.
«In questa vicenda», continua Caserta, «stanno emergendo fatti, che se saranno confermati, sarebbero gravissimi per l'ambiente, oltre che per le tasche dei cittadini. Dopo il sequestro del cantiere che aveva sconfinato nell'Oasi, si continuava a difendere questo progetto senza voler prendere neppure in considerazione ipotesi alternative che pure venivano proposte. Eravamo, poi, increduli nel constatare come molti politici ed amministratori avessero messo il WWF sul banco degli imputati, invece di plaudire al comportamento del Direttore della Riserva che aveva denunciato l'opera facendo solo il proprio dovere».
Ovviamente il "no" del WWF è scontato «e costituisce l'annuncio di nostri ricorsi in tutte le sedi opportune (Magistratura amministrativa, contabile e penale)».

19/12/2008 9.32