Occupazione in Val Di Sangro: Coletti solleciterà il Governo nazionale

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

948

CHIETI. Un Consiglio provinciale dedicato solo alle questioni occupazionali, in particolare della Val di Sangro, ha visto la partecipazione di moltissimi sindacalisti e di alcuni sindaci del territorio.

Si è trattato di una lunga maratona oratoria in cui sono stati esaminati e sottolineati i problemi della crisi economica del momento e dei negativi riflessi occupazionali sulla piccola, media e grande impresa.
Al termine dei lavori, il Consiglio ha approvato all'unanimità un Ordine del giorno con il quale si da mandato al presidente della Provincia, Tommaso Coletti di sollecitare il Governo Nazionale di prevedere un'adeguata copertura reddituale per chi perde il posto di lavoro e di mettere in atto iniziative utili a garantire un equo esercizio del credito, soprattutto per quanto riguarda le piccole e medie imprese.
Inoltre si chiede alla Regione di consentire a tutto il mondo produttivo abruzzese di poter attingere con grande rapidità alle enormi risorse finanziarie disponibili, per poter affrontare nuovi investimenti.
Dal canto suo la Provincia dovrà utilizzare al più presto le sue risorse finanziarie e costituire un tavolo tecnico provinciale aperto alla partecipazione ed alla rappresentanza del partenariato sociale ed istituzionale, con il compito di monitorare la situazione generale e promuovere interventi utili per i lavoratori, famiglie ed imprese.
Dovrà inoltre avviare incontri con i grandi gruppi industriali, multinazionali e locali.
«Si è trattato di un argomento, quello della situazione occupazionale della Val di Sangro, che ha visto la partecipazione di numerosi rappresentanti del partenariato sociale ed istituzionale, che, ha affermato il Presidente Tommaso Coletti, hanno così dimostrato una grande sensibilità all'emergenza occupazionale, intervenendo e formulando proposte che sono state riassunte nell'ordine del giorno approvato».
06/12/2008 10.32