Droga: spaccio eroina, 8 arresti e 11 denunciati all'Aquila

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1212

L'AQUILA. Otto persone arrestate e undici denunciate per spaccio di eroina all'Aquila.
E' il bilancio di un'operazione della sezione antidroga della Squadra
mobile del capoluogo compiuta ieri mattina in esecuzione di otto
misure di custodia cautelare del gip del Tribunale, di cui sette in
carcere e una agli arresti domiciliari.
Gli arrestati sono responsabile, in concorso tra loro, e in modo
continuativo, di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti, come hanno accertato le indagini fatte anche con intercettazioni telefoniche e ambientali.
Secondo quanto accertato dagli investigatori, gli indagati si rifornivano di droga da spacciatori romani e da una donna rom residente a Pescara.
L'attività investigativa della sezione antidroga, coordinata dal
sostituto procuratore, Salvatore Campochiaro, è scaturita a fronte del
decesso per overdose di Renato Aloisi, conosciuto in città come
'Renato', avvenuta lo scorso aprile.
Da quel momento è partita una lunga serie di indagine: sono stati
circa 300 i grammi di eroina sequestrati.
Gli arrestati, quasi tutti residenti all'Aquila, e ieri mattina per
loro sono scattate le manette. Si tratta di Vincenzo Rosito, 42 anni,
Maria Spinelli 69 anni di Lanciano, Federica D'Onofrio 30 anni, Manuel
Rancitelli 32 anni, Giancarlo Branciaroli 43 anni, Alessandro Ciocca
35 anni, Ezio Biasini 33 anni.
E' agli arresti domiciliari, invece, l'aquilana Daniela Esposito di
soli 27 anni.
«E' stata un'operazione complessa - ha commentato in conferenza stampa il questore, Filippo Piritore - perché i punti di riferimento
dell'inchiesta non sono locali, ma provengono da reti più ampie nei
bacini di Roma e Pescara».

02/12/2008 8.45