Ventinovenne di Francavilla muore di overdose: arrestati i presunti spacciatori

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

2680

FRANCAVILLA. Ieri verso le ore 18,30 un 30enne tossicodipendente residente a Francavilla, ha richiesto l'intervento del 118 perché nella propria abitazione era deceduto, probabilmente per overdose, un suo amico.


La vittima si chiamava Fabio Pozzoli, 29enne tossicodipendente di Francavilla al Mare.
Giunti sul posto i sanitari hanno constatato il decesso del ragazzo, riverso sul letto ancora con una siringa al suo fianco.
All'arrivo dei carabinieri l'amico ha raccontato che poco prima si erano iniettati una dose ciascuno di eroina ma mentre nel suo caso non aveva avuto problemi, Fabio era entrato in overdose ed era morto poco dopo.
Sempre l'amico-testimone, ha raccontato che la droga era stata portata dalla vittima.
I militari hanno iniziato subito gli accertamenti per verificare la veridicità delle dichiarazioni. Una chiamata sul cellulare di Fabio ha insospettito i militari che qualche ora dopo hanno bussato a casa di Maria Di Censo, pregiudicata residente nel quartiere Fontanelle di Pescara.
Alla vista dei militari la donna si è precipitata in cucina per ingerire qualcosa ma non è riuscita a disfarsi di una dose di eroina recuperata e sequestrata.
La donna, interrogata, ha confermato che nel pomeriggio aveva venduto due dosi d' eroina a Francesco Di Donato, l'amico della vittima, che è suo cliente da tempo, ed ha assicurato di non conoscere affatto Fabio.
A questo punto il quadro della vicenda è parso abbastanza chiaro per cui sia Di Donato che la donna sono stati arrestati dai carabinieri, coordinati dal comandante Aldo Manzo, per spaccio di stupefacenti, in attesa dell'esame autoptico sulla salma della vittima che potrà chiarire ulteriori particolari sulle cause del decesso e quindi precisare la posizione dei due.

26/11/2008 17.22