Vertenza Compel, Pezzopane: «pronto il dossier per Berlusconi»

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

869

L'AQUILA. «Se il gruppo Compel non darà garanzie circa la volontà di mantenere i suoi stabilimenti a L'Aquila, le istituzioni locali non saranno più disposte a continuare la trattativa».
Questa la posizione assunta dall'assessore provinciale al lavoro,
Ermanno Giorgi, nel corso di un incontro avuto ieri mattina con un
folto gruppo di lavoratori del gruppo Compel, presso la sede della
presidenza della Provincia.
L'obiettivo dell'assessore è quello di fare fronte comune con le altre
istituzioni locali e i sindacati, in modo da presentarsi al tavolo del
governo con una posizione univoca.
Per oggi infatti è stato fissato un incontro al Ministero dello Sviluppo Economico.
«Prima dell'incontro con il governo», ha fatto sapere Giorgi, «chiederò a Regione, Comune e sindacati di adottare una posizione unanime, reclamando precisi impegni e garanzie al governo e al gruppo
Compel, altrimenti il nostro atteggiamento cambierà radicalmente».
Nel frattempo la presidente Pezzopane, dopo l'incontro avuto insieme
al sindaco dell'Aquila Massimo Cialente, con i senatori del Pdl
Gaetano Quagliariello e Filippo Piccone, sulle vertenze occupazionali,
ha già pronto il dossier da inviare al presidente del Consiglio Silvio
Berlusconi.
Dossier che anticiperà l'incontro previsto con il Presidente del
Consiglio, su cui il senatore Quagliariello «ha dato ampie garanzie».
«Ci sono vertenze occupazionali, che non possono prescindere
dall'interveneto governativo, dal momento che il loro esito dipende
dalle scelte e dalle politiche nazionali- ha spiegato la presidente
Pezzopane- Pertanto puntiamo a non abbassare il livello d'attenzione e
continuiamo a fare pressioni affinchè il Presidente del Consiglio
apra un confronto con le istituzioni locali. Non possiamo essere
lasciati da soli a gestire una crisi, che solo il governo può e deve
risolvere».
Intanto per giovedì 27 novembre la presidente della Provincia ha
convocato un incontro con le organizzazioni sindacali, per discutere
delle vertenze in atto.
L'incontro, fissato per oggi, è stato rinviato di un giorno, in vista
del concomitante appuntamento al Ministero dello Sviluppo Economico.

26/11/2008 9.11