Sequestrati 7 videopoker e 400 Gratta e Vinci falsi

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

914

MONTESILVANO. Nel corso del mese di novembre, i Carabinieri della Compagnia di Montesilvano hanno proceduto al controllo nei vari esercizi pubblici del territorio, dei videopoker.
In tre dei dieci bar controllati i militari hanno riscontrato delle
irregolarità: quattro apparecchi, su una media d'incasso di circa
80.000 euro cadauno, segnalavano telematicamente ai Monopoli di Stato ai quali sono collegati, l'incasso di appena 10.000 euro.
Altri tre apparecchi, su un incasso massimo di 93.000 euro, ne hanno
comunicato telematicamente all'erario la somma di 36.000 euro.
Le macchinette così modificate eludevano il pagamento delle tasse
statali dovute ai Monopoli di Stato che per legge è previsto al
12,50%.
Per capire il volume degli incassi e i danni provocati all'erario, i
carabinieri hanno detto che gli apparecchi per intrattenimento trovati
regolari, in un anno sono risultati incassare circa 300.000 euro.
Le sette macchinette sono state pertanto sottoposte a sequestro
amministrativo in attesa della perizia di un ingegnere dei Monopoli di
Stato.
I titolari dei bar e degli apparecchi rischiano una denuncia per
truffa aggravata ai danni dello Stato nonché sanzioni amministrative
da parte dei Monopoli (circa 1.000 euro ad apparecchio sia al barista
che al proprietario del videopoker).
Nel corso dei controlli, inoltre, in uno dei bar è emerso che erano
stati messi in vendita dei Gratta e vinci non in regola: 400 i
tagliandi ritirati. Il titolare del bar è stato denunciato per truffa
in danno dello stato, frode nell'esercizio del commercio e pubblicità
ingannevole.

19/11/2008 14.27