Pianella: conferito titolo di 'Città'

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

735


PIANELLA. «Il conferimento del Titolo di Città a Pianella rappresenta il coronamento del cammino intrapreso da anni e intriso di azioni amministrative, di processi sinergici attivati dalla volontà politica, dell'azione dell'associazionismo culturale locale che hanno voluto trasformare il nostro territorio in una comunità aperta alla modernità. Un riconoscimento che rappresenta un magnifico toccasana per la vita istituzionale abruzzese».
Lo ha affermato il sindaco di Pianella, Giorgio D'Ambrosio in apertura della seduta solenne del Consiglio comunale svoltosi stamane per ufficializzare l'assegnazione del titolo di Città decisa con decreto del Presidente della Repubblica lo scorso 2 maggio. Ospite d'onore della giornata il prefetto Paolo Orrei, accompagnato anche dal comandante provinciale dei Carabinieri, il colonnello Esposito Alaya, dal comandante della compagnia Maggiore Del Gaudio e dal comandante della stazione di Pianella maresciallo Decembrotto. Ad affollare l'aula consiliare sono stati gli studenti invitati alla cerimonia.
«Il conferimento del titolo - ha detto il sindaco D'Ambrosio - rappresenta il giusto riconoscimento a tutta una comunità che si è insediata su questa terra prima dell'anno mille, che qui ha saputo realizzare, con operosità, un deciso benessere economico e sociale con il proprio lavoro, con sacrifici, ingegno e anche con la saggezza di amministratori lungimiranti. Abbiamo scelto di celebrare con una seduta solenne del Consiglio la giornata per coltivare il senso di appartenenza dei cittadini alle Istituzioni e di identificazione storica e culturale con i suoi avvenimenti. Da sempre il nostro obiettivo è il recupero della memoria storica della città, il tramandare i valori della tradizione e dell'orgoglio civico ai giovani, affinchè possano costruire un futuro sempre migliore. Senza alcuna presunzione - ha ancora proseguito il sindaco D'Ambrosio - possiamo affermare di essere oggi 'Città' di riferimento dell'area collinare, un territorio che dal 2006 ha saputo fare il proprio ingresso nel circuito delle 'città del buon vivere', ossia Città Slow, conquistando un posto anche nel Comitato internazionale. Oggi, in questo processo esiste un Consiglio comunale unito, in cui non conta la divisione tra maggioranza e opposizione, ma conta la consapevolezza di essere riuniti intorno a un emblema, impegnati a operare per innalzare la qualità della vita dei nostri cittadini attraverso interventi mirati».
Nel proprio saluto, il prefetto Orrei ha espresso un plauso nei confronti dell'azione di un territorio che ha saputo crescere, conquistando le caratteristiche di un vero centro urbano, senza però perdere la propria identità. La cerimonia si è conclusa con l'intervento degli studenti che hanno letto dei temi realizzati nei giorni scorsi sulla propria terra e le proprie tradizioni.

07/11/2008 14.14