La giunta di Orsogna: «non pagate le bollette dell’acqua»

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1152

La giunta di Orsogna: «non pagate le bollette dell’acqua»
LA GUERRA DELL’ACQUA. ORSOGNA. Un provvedimento che farà discutere. La Giunta autorizza l'esonero come risarcimento danni per i gravi disservizi legati all'erogazione dell'acqua.
Anni a secco, disagi infiniti per famiglie ed attività commerciali. Non c'è stagione che tenga. In estate non c'è acqua perché non piove, in inverno non piove lo stesso, le rotture sono sempre più frequenti, l'acquedotto colabrodo non sembra essere la priorità di nessun amministratore perché quello che non si vede non porta voti.
Il risultato è che un bene fondamentale come l'acqua ormai è sempre più raro e scarseggia nelle case abruzzesi facendo compiere al “mondo civile” un balzo di 50 anni indietro, forse più.
Così arriva la Giunta comunale di Orsogna (Chieti) che ha approvato ieri una delibera con la quale autorizza l'esonero per i cittadini dal pagamento del canone per i servizi idrici erogati dalla Sasi Spa, gestore del servizio idrico integrato.
Ciò a titolo di risarcimento danni per i gravi disservizi patiti negli ultimi mesi e, in particolare, negli ultimi giorni per la continua mancanza di acqua e l'assenza di un'adeguata programmazione e informazione sulla chiusura del flusso idrico.
La Giunta ha, inoltre, deciso di costituirsi in giudizio contro la Sasi Spa per il risarcimento dei danni procurati alla comunità di Orsogna e di segnalare alla Procura della Repubblica la cattiva gestione del servizio pubblico legato all'erogazione idrica.
«Le continue sollecitazioni verbali e scritte alla Sasi – sottolinea il sindaco di Orsogna, Alessandro D'Alessandro –, che avevano come obiettivo di gestire insieme e al meglio la situazione di disagio, sono state sempre disattese e dalla Società non ho mai ricevuto risposte né positive né negative. Questa decisione è grave, ma dovuta. Ho comunque chiesto un incontro al presidente della Sasi Spa come ulteriore segno di buona volontà per affrontare insieme il problema. Intendiamo lanciare un segnale anche all'Ambito territoriale ottimale, poiché non sono previsti per il futuro investimenti tali da migliorare la rete idrica nel territorio di Orsogna. Sappiamo tutti che ci sono problemi di carenza idrica, ma la nostra comunità non può essere ignorata e trattata come l'ultima ruota del carro».
Si vedrà quali saranno le reazioni e se tale provvedimento avrà un seguito e farà proseliti.

05/11/2008 8.37