Presentato il nuovo centro direzionale "La City"

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

3949

PESCARA. Un'imponente opera di riqualificazione di un'area di 40.000 metri quadri abbandonata al degrado da oltre 20 anni. Un'operazione di bonifica dell'amianto che ha riguardato gli oltre 13.000 metri quadrati di copertura dell'ex fornace Tinaro.
Tornerà a nuova vita l'area su cui sorgeva la vecchia fornace Tinaro. È stato presentato ieri Palacongressi di Montesilvano, il progetto di Iniziative Immobiliari Abruzzesi denominato "La City".
Il progetto, presentato al Comune di Pescara lo scorso aprile, rispetta integralmente le previsioni di P.R.G. dettate dall'amministrazione comunale. Su questi terreni il Comune ha infatti indicato la realizzazione di uno dei tre parcheggi di scambio, e precisamente quello ovest, a servizio dell'area metropolitana Pescara – Chieti, che andrà ad affiancarsi a quello di Montesilvano, zona Naiadi, e S. Silvestro spiaggia.
Le destinazioni d'uso consentite dal piano regolatore sono di varia natura, fatta eccezione per il residenziale. Quello che nascerà infatti dalle ceneri dell'ex Tinaro sarà un centro finanziario moderno e metropolitano: circa 14.000 metri quadri di uffici, spazi commerciali al piano terra destinati ad attività prevalentemente di servizio, un albergo per clientela business, con sale conferenze ampie e dotate di moderne attrezzature, in grado di ospitare meeting internazionali e iniziative di spessore legate al mondo del business.
Ai tre edifici principali si affiancheranno il terminal che verrà ceduto al Comune di Pescara dotato di biglietteria e sala d'attesa, un'area verde attrezzata di circa 8.000 mq.



La viabilità della zona, già ottimamente servita, verrà ampliata ed ottimizzata, anche in funzione del suddetto parcheggio di scambio, di 16.000 mq da cedere al Comune mediante la creazione, su via Tiburtina, di un'ulteriore arteria di collegamento al sottopasso ferroviario da realizzarsi al lato sud.
«Il Progetto La City – ha commentato Marco Sciarra, presidente e amministratore delegato di Iniziative Immobiliari Abruzzesi – nasce dalla volontà di un gruppo di imprenditori abruzzesi con pluriennale esperienza nel campo immobiliare. Ci spinge la passione comune verso progetti ambiziosi e innovativi e la condivisione di un'idea imprenditoriale unica: lasciare alla comunità locale un polo direzionale e congressuale funzionale e all'avanguardia, che possa fungere da volano per lo sviluppo socio-economico abruzzese».
Il progetto si inserisce in un'area strategica per Pescara, soprattutto in relazione alla vicinanza dell'aeroporto in forte espansione e mira a rappresentare la nuova porta direzionale della città.
«In questa visione – hanno spiegato i progettisti dello Studio Associato D'Urbano – il nostro lavoro è stato pensato con un approccio diretto al futuro concetto di connecting business, optando per scelte architettoniche innovative unite ad una estrema razionalità d'uso». I concetti di base sono semplicità e trasparenza, sia nelle scelte planovolumetriche che nei materiali. Gli edifici si differenziano nella forma per la rispettiva destinazione d'uso (direzionale e alberghiera) ma si integrano in un contesto dove servizi, spazi e funzionalità lavorative hanno le priorità. Gli stessi edifici sono chiari, rivestiti da vetri a bassa emissione, mentre le parti strutturali sono in acciaio verniciato bianco. Due soli materiali e un solo colore per distinguersi dall'eterogeneo scenario circostante e per dare nuovo impulso agli affari.

25/10/2008 10.21