Armamento vigili urbani, slitta tutto al 2009

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

759

PESCARA. L'armamento della Polizia municipale di Pescara slitta al 2009 e Luigi Albore Mascia, capogruppo del Pdl in consiglio comunale sbotta.
«I vigili urbani addestrati ci sono», ci sono pure le pistole (anche
se solo 70 a fronte di 96 agenti giudicati idonei), ma stavolta l'iter
non può procedere perché, come purtroppo ampiamente previsto, manca l'armeria e, temiamo, mancano i soldi necessari per attrezzare
adeguatamente le stanze dove verranno custodite le armi».
Dopo l'inventario di cosa c'è e cosa manca all'appello Mascia attacca:
«i ritardi della giunta D'Alfonso cominciano ormai a diventare
inconcepibili e domani (oggi per chi legge, ndr), nel corso della
seduta della Commissione Affari Generali, chiederemo direttamente
all'assessore delegato risposte precise circa l'ennesimo rinvio del
progetto».
Lo scorso agosto il caso relativo all'armamento della Polizia
municipale di Pescara aveva assunto i toni di una telenovela: «in
sostanza», ricorda Mascia, «se l'iter non si era concretizzato era
colpa di uno sparuto gruppo di scout che occupava i locali destinati
all'armeria all'interno della scuola media Michetti che, in un'ala,
ospita il Comando dei Vigili e nell'altra gli studenti».
Il 22 agosto, anche dopo un tentativo di sfratto forzato, quegli scout
hanno però liberato quelle stanze e l'assessore ha subito promesso una
marcia a tappe forzate per attrezzare l'armeria in tempi record
installando porte blindate, armadietti blindati e isolando l'area dal
resto della scuola.
«Da quel 22 agosto», insiste il capogruppo di centrodestra, «sono
passati due mesi, ossia 60 giorni, ma dell'armeria non vediamo
traccia, né tantomeno è stato aperto il relativo cantiere, né è stata
creata una ulteriore zona filtro, un'area per isolare la scuola
dall'armeria».
Nel frattempo, però, una Commissione ha selezionato i vigili che
potranno usare le armi, in tutto 96 idonei sull'intero Corpo, che
conta oltre 150 agenti.
70 agenti hanno già effettuato l'addestramento presso il Poligono di
Tiro, altri 26 lo stanno completando in questi giorni, insieme a un
corso di formazione all'uso legittimo delle pistole.
Quindi, a questo punto, formati gli agenti, potrebbe anche essere
ripristinato il servizio notturno della Polizia municipale. Ma questo
non accadrà perché manca l'armeria che ritarderà tutta la procedura.
«In sostanza i vigili armati non entreranno in servizio prima del 2009
se tutto andrà bene. Sorge il sospetto su come siano stati a questo
punto utilizzati i fondi stanziati per la realizzazione dell'armeria,
e sul perché non siano ancora neanche cominciati i lavori per
attrezzare la struttura», chiude Mascia.
Oggi, nel corso della Commissione Affari Generali, il PdL chiederà
conto all'assessore circa la mancata realizzazione dell'armeria dei
vigili, pur disponendo dei locali da 60 giorni esatti; «chiederemo
quante somme sono disponibili a tal fine e quando intenda aprire il
cantiere. Non siamo disposti a tollerare altri ritardi. Tra l'altro
chiediamo alla giunta quando intenda acquistare le 26 pistole che oggi
mancano per dotare dell'arma tutti gli agenti risultati idonei alla
selezione».

22/10/2008 9.30