Gira per Chieti con una pistola in tasca, arrestato 14 enne

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1953

CHIETI. E’ stato arrestato giovedì scorso ma la notizia è stata data solo questa mattina. A finire nei guai un 14 enne di Chieti che girava per il centro della città con una pistola in tasca. Aveva un colpo in canna.


Alcuni passanti lo hanno notato ed hanno avvertito i carabinieri. Dopo mezz'ora di ricerche, i militari lo hanno trovato nei pressi della villa comunale. Per non rischiare una sua reazione gli uomini del capitano Aldo Manzo lo hanno preso alle spalle. Lui ha tentato invano di reagire: ha messo subito le mani in tasca e cercato di divincolarsi.
Dopo la perquisizione i militari sono rimasti sconvolti: in tasca il giovane aveva due grossi coltelli a serramanico ed una pistola semiautomatica calibro 9x21 con sette cartucce nel serbatoio ed una addirittura in canna, cioè pronta a sparare alla minima pressione esercitata sul grilletto.
Il ragazzo è stato subito portato in caserma e si è scoperto che l'arma era provento di un furto commesso nell'abitazione di un signore di Chieti, regolarmente munito di porto d'armi.
Il legittimo proprietario, però, non si era accorto che la sua arma era stata portata via dieci giorni fa.
Subito dopo i carabinieri hanno perquisito l' abitazione del ragazzo e nella sua camera da letto sono stati sequestrati un terzo grosso coltello a serramanico, un computer, una stampante ed un videoproiettore, risultati rubati alcuni giorni prima presso la scuola elementare “I° Circolo” di Via Paolucci. E poi ancora sono state trovate una Play Station e una Play Station 2 rubate nella stessa abitazione del proprietario della pistola.
Il ragazzo è stato arrestato e accompagnato presso il centro di prima accoglienza per i minori dell'Aquila.
«Probabilmente l'intenzione del giovane», ha commentato il Capitano Aldo Manzo, «già noto alle forze dell'ordine per la sua particolare esuberanza, era solo quella di farsi bello con i coetanei. Ma è anche vero che senza il nostro intervento non sappiamo cosa sarebbe potuto accadere». 13/10/2008 12.19