«Maresca si dimetta e salviamo il nostro ospedale»

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

2583

RAPINO. Il consiglio Comunale di Rapino ha approvato all'unanimità un ordine del giorno per chiedere provvedimenti in favore del presidio ospedaliero S.S. Immacolata di Guardiagrele.


RAPINO. Il consiglio Comunale di Rapino ha approvato all'unanimità un ordine del giorno per chiedere provvedimenti in favore del presidio ospedaliero S.S. Immacolata di Guardiagrele.

Chieste inoltre le dimissioni del manager Maresca.
Il consiglio comunale ha chiesto al commissario straordinario della Sanità Gino Redigolo che venga impedito di dare luogo ad ulteriori penalizzazioni ai servizi sanitari del Presidio Ospedaliero di Guardiagrele e di quello di Ortona da parte del Manager Maresca.
«Deve essere restituito al nostro presidio ospedaliero», si legge nel documento, «la sua funzione di Ospedale del Territorio con i reparti di eccellenza che ha sempre avuto, tenendo conto, come stabilito dalle leggi, della natura montana del territorio».
Il consiglio chiede che venga mantenuto l'impianto dei servizi sanitari esistenti «e ci sia il loro adeguato potenziamento con personale e attrezzature, nonché l'implementazione delle unità mediche nei reparti esistenti, che risultano oberati da eccessivo carico di lavoro e di turni di pronta disponibilità».
Inoltre si chiede ancora che venga «garantita la fornitura presso i reparti e ambulatori di moderne attrezzature medicali, necessarie allo svolgimento della più proficua attività sanitaria, dando la possibilità ai nostri cittadini di godere degli stessi diritti di sopravvivenza degli altri delle zone metropolitane».
Ultima richiesta: le dimissioni dell'attuale manager della Asl di Chieti Maresca «per aver fallito gli obiettivi di risanamento nonostante i sacrifici fatti patire a cittadini e operatori sanitari, per aver disatteso il Piano sanitario pianificando la chiusura dei reparti di Geriatria e Day Surgery, oggi temporaneamente sospesa, e soprattutto perché sfiduciato direttamente dai nostri cittadini».


04/10/2008 9.49