Trasporti. Federcopa, Di Matteo convochi pendolari Valle Peligna

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

797

SULMONA. Lunghe ombre sui trasporti della Valle Peligna. Dopo l’appello di qualche giorno fa, la Federazione dei Comitati Pendolari d’Abruzzo fa sentire ancora la sua voce.
«No ai tagli delle corse da Sulmona e incontro urgente dei pendolari con l'assessore Di Matteo», tuona il portavoce Di Nisio.
«Prima di attuare il piano dei tagli previsto sui trasporti della Valle Peligna l'assessore regionale ai Trasporti, Donato Di Matteo, e il presidente dell'Arpa convochino subito anche i rappresentanti dei pendolari».
E' la richiesta che il portavoce della Federcopa, Francesco Di Nisio, ha ribadito alla luce delle indiscrezioni filtrate dalla riunione che Di Matteo e i vertici dell'Arpa hanno avuto ieri pomeriggio con i sindacati per illustrare il pacchetto di tagli sulle corse che quotidianamente la linea ‘Schiappa' effettua tra Roma-Sulmona-Scanno.
«Appare singolare che a decidere il destino delle corse sia gente che viaggia sulle autoblu pagate dai cittadini e ignori completamente le richieste di 2500 utenti del servizio – ha spiegato Di Nisio. Ci dicono che la Regione e l'Arpa sarebbero già pronte a cancellare una coppia di corse tra Sulmona e Roma, a ridurre i collegamenti con Scanno e a mettere in atto altre misure destinate a rendere ancora più difficili e penalizzanti i collegamenti tra il Centro Abruzzo e Roma. A Di Matteo chiediamo di confrontarsi anche con noi prima di prendere qualsiasi decisione. La cosa che sconcerta di più – ha poi aggiunto Di Nisio - è che tutto ciò sta avvenendo nell'indifferenza generale delle istituzioni della Valle Peligna, a cominciare dalla Provincia dell'Aquila che probabilmente sarà anche favorevole a tagliare il servizio a Sulmona per potenziarlo ad Avezzano o a L'Aquila come sta già avvenendo. La Provincia dica chiaramente se vuole far chiudere ‘Schiappa' o se è contraria al piano che avrebbe preparato Di Matteo».

03/10/2008 14.10