Sicurezza a Pescara Vecchia, ristoratori pronti a pagarsi le telecamere

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

907

Sicurezza a Pescara Vecchia, ristoratori pronti a pagarsi le telecamere
PESCARA. Gli imprenditori del centro storico sono pronti a fare la propria parte per garantire l'ordine nelle strade di Pescara vecchia, finanziando l'installazione delle telecamere nella zona.
Ora però si chiede anche l'intervento del Comune che deve dare il proprio contributo, creando la centrale operativa per la gestione degli impianti, garantendo gli opportuni controlli notturni amministrativi da parte della Polizia municipale, e istituendo la Zona a traffico limitato in via delle Caserme, corso Manthonè e traverse.
E' questo il sollecito giunto al capogruppo del Popolo della Libertà al Comune di Pescara Luigi Albore Mascia in merito all'esito del vertice del Comitato per l'Ordine e la Sicurezza svoltosi ieri mattina e allargato a una delegazione di operatori del centro storico.
«Come previsto – ha ricordato il capogruppo Albore Mascia – i ristoratori hanno dato la propria piena disponibilità a collaborare con le Forze dell'Ordine impegnate a tutelare quel gioiello che è il centro storico di Pescara, garantendo la sicurezza di chi ci lavora, ci abita o semplicemente lo frequenta nel proprio tempo libero».
Gli imprenditori si sono dichiarati anche disponibili a co-finanziare l'acquisto degli impianti di videosorveglianza necessari per assicurare un monitoraggio capillare di Pescara vecchia.
Per questo giovedì prossimo si rivedranno con le Forze dell'ordine per un nuovo incontro fissato in questura, sede nella quale verrà anche fissato un 'codice di autoregolamentazione'.
«Resta invece», prosegue Albore Mascia, «ancora da sciogliere il nodo relativo all'impegno che la stessa giunta D'Alfonso si assumerà per contribuire alla tranquillità di Pescara vecchia». All'incontro di ieri, infatti, ha partecipato il vicesindaco D'Angelo «che ha solo preso appunti senza fornire una risposta alle richieste giunte da operatori commerciali e Forze dell'Ordine, in attesa di un pronunciamento del sindaco».
«Noi chiediamo poi il ripristino immediato del turno notturno della Polizia municipale per effettuare i controlli amministrativi (per i quali non sono necessarie le armi)», ha detto il capogruppo del Pdl, «e poi l'istituzione della Zona a traffico limitato in corso Manthonè, via delle Caserme e in tutto il centro storico, permettendo ai ristoratori di installare all'esterno dei locali strutture permanenti (ma facilmente removibili) per la somministrazione dei pasti sia a pranzo che a cena».

17/09/2008 9.38