Morto il prof Sergio Sensi, il primo docente della D’Annunzio

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

4041

Morto il prof Sergio Sensi, il primo docente della D’Annunzio
CHIETI. Il professor Sergio Sensi, uno dei primi docenti della facoltà di Medicina della “d'Annunzio”, è morto domenica dopo lunga malattia. Aveva 78 anni.  
Il suo primo incarico a Chieti risale all'anno accademico 70-71, quando arrivò dalla Cattolica di Roma per insegnare Scienza dell'alimentazione.
Nell'anno successivo insegnò Patologia speciale medica e Patologia clinica, iniziando la carriera accademica che lo porterà da Incaricato ad Associato e ad Ordinario di Clinica medica.
Il professor Sensi, allievo di G.B. Dell'Acqua, luminare dell'Università Cattolica, è stato il primo internista della d'Annunzio e ha dato forte impulso alla qualità dell'assistenza nel vecchio SS. Annunziata, dove nel 1976 fu aperta una nuova ala per le attività internistiche, per gli ambulatori per la cura del Diabete e per la Tiroide.
Era l'epoca dei nomi eccellenti della sanità universitaria: Francesco Antonio Manzoli, Aldo Spirito, Pietro Zulli, Vanni Beltrami, Glauco Torlontano, Giovanni Gasbarrini, Giuseppe Gozzetti, Leonardo Vecchiet.
Il professor Sensi fu un precursore anche per l'applicazione di metodi valutativi della didattica (quella che oggi si chiama Docimologia) e per la Cronobiologia, cioè per lo studio dell'attività metabolica che è soggetta a ritmi temporali e non solo alla crescita e all'invecchiamento.
L'Università lo ricorda come uno dei Maestri della Facoltà medica, così come gli studenti di allora, oggi tutti professionisti affermati, che lo hanno conosciuto come docente apparentemente severo, ma in grado di trasmettere l'amore per la medicina. Gli addetti ai lavori in genere lo prendono ad esempio per quello che l'Università ha saputo dare all'assistenza sanitaria, soprattutto per i Centri diabetici, dove introdusse la Scienza dell'alimentazione. (s.c.)

16/09/2008 15.40