Rapino, dopo 6 mesi la raccolta differenziata al 61,2%

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1264

RAPINO. Lo slogan della campagna promossa qualche mese fa dal Comune di Rapino era "Dividi et impara" e i cittadini ne hanno compreso perfettamente il senso.
Lo conferma la lettera inviata dal Dirigente della Provincia di Chieti, Giancarlo Moca, che ha certificato lo straordinario risultato ottenuto dal Comune di Rapino nella raccolta differenziata, risultato che ha di gran lunga superato la soglia minima del 45%, inizialmente attesa.
«Si comunica», scrive Moca al sindaco Rocco Micucci, «che la percentuale media di raccolta differenziata raggiunta dal suo Comune al mese di giugno 2008 è pari a 61,2%».
«Una percentuale impensabile, che ci eravamo posti come obiettivo da raggiungere nel giro di 3 anni e che invece abbiamo ottenuto in soli 6 mesi», dichiara soddisfatto il primo cittadino.
Il sindaco svela il segreto di questo successo: «un sistema di raccolta efficace e ben studiato ed un costante impegno dei cittadini».
Il Comune di Rapino si contraddistingue ancora una volta «con i fatti in un momento in cui altre amministrazioni comunali si perdono a disquisire di discarica sì, discarica no, provocando inutili allarmismi nella cittadinanza, il nostro Comune dimostra che è possibile ridurre i quantitativi di rifiuti in discarica e quindi di migliorarne la gestione», spiega ancora Rocco Micucci.
«Abbiamo investito tanto in questo progetto, ma i risultati sono incoraggianti e dimostrano che la cittadinanza è sensibile alla tutela del proprio territorio» ha affermato Maria Concetta Amoroso, consigliere comunale delegata all'ambiente. «Continueremo a lavorare seriamente per il rispetto dell'ambiente e per cercare di mantenere bassi i costi per i cittadini». 16/09/2008 10.23