Nuovi progetti: scuole rosetane, scuole europee

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

651

ROSETO. Le scuole di Roseto fanno il pieno per i progetti europei. Primo comune della Provincia.

Sono 4 i progetti di partenariato multilaterale Comenius approvati ad altrettante scuole di Roseto. In Provincia di Teramo, Roseto è il comune con più progetti approvati.
Alunni, insegnanti e tutto il personale delle scuole rosetane avranno così l'opportunità di lavorare con altre scuole partner di tutta Europa, accrescere la consapevolezza di sé, della propria cultura e di quella dei paesi partner attraverso un confronto diretto con i pari grado delle altre Scuole europee.
I progetti tratteranno aree tematiche diverse: arte, scienza, lingue straniere, educazione ambientale, patrimonio culturale, cittadinanza europea, uso delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione o lotta contro il razzismo.
I partenariati Comenius sono focalizzati anche sulla gestione e sui metodi pedagogici e offrono sia al personale docente che a quello amministrativo l'opportunità di uno scambio di esperienze e d'informazioni tra i colleghi dei vari paesi, la possibilità di elaborare assieme metodi e strategie rispondenti alle reciproche esigenze, nonché di verificare e mettere in pratica negli istituti partecipanti i metodi organizzativi e pedagogici che si rivelano più efficaci.
Inoltre, questi partenariati comportano spesso una cooperazione con organismi della comunità locale nella quale hanno sede gli istituti (autorità locali, servizi sociali, associazioni e imprese) con un ritorno positivo, in termini di opportunità, per tutta la comunità locale.
Il Punto Europe Direct del Comune di Roseto, partner in 2 progetti su 4, nel congratularsi con tutti gli Istituti scolastici rosetani, si augura che esperienze pregevoli di questo tipo, che perseguono finalità importanti nell'ambito della formazione delle nuove generazioni, non restino episodiche o legate all'interesse e alla disponibilità personale di alcuni dirigenti scolastici o docenti, ma diventino la consuetudine, così da aumentare in tutti i cittadini di Roseto la consapevolezza e la coscienza dell'Unione europea e delle grandi opportunità di crescita che da essa ci vengono.
Il sindaco di Roseto degli Abruzzi, Franco Di Bonaventura, ha dichiarato: «Roseto, città aperta e solidale, è ancora una volta all'avanguardia e primo comune della provincia per progetti che riguardano la scuola e quindi la cultura e l'Europa».
04/09/2008 15.38