Vertenza Finmek:la Uil, «salgono a 1000 i cassaintegrati»

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1391

ROMA. «Salgono a 1000 i dipendenti del Gruppo Finmek che beneficeranno per altri 12 mesi delle quote di Cassa integrazione, elargite in deroga al decreto legge che appone il correttivo di manovra alla Legge marzano sulla spesa sociale».
Lo dichiara Mauro Nuccitelli delegato al tavolo nazionale unico di vertenza del gruppo.
«Abbiamo appena avuto la notizia dal Ministero del Lavoro che anche i 429 dipendenti dello stabilimento di Caluso, percepiranno le quote integrative di ammortizzazione in busta paga».
Sono 140 i lavoratori dello stabilimento di Ronchi dei Legionari (Gorizia), 429 quelli dello stabilimento di Caluso , 340 quelli degli stabilimenti abruzzesi di L'Aquila e Sulmona (Aq), e altri 61 quelli di Santa Maria Capua Vetere (Caserta).
La situazione tuttavia non è affatto rosea.
Sul fronte politico si continua a spingere per l'inserimento di Sulmona
tra le 18 Zone franche urbane. Questo potrebbe in teoria permettere anche lo sgravio fiscale per le aziende e rendere appetibile il terriotiro aquilano avviatoda anni verso la desertificazione industriale.
A ritornare sull'argomento è stato il deputato del Pdl, Paola Pelino, che ha scritto al ministro delle Attività produttive, Claudio Scajola. In una lettera, la parlamentare ha evidenziato come,
nonostante la situazione economica del territorio sia particolarmente grave, l'area sulmonese sarebbe stata esclusa a favore di aree come Pescara, Chieti e Lanciano «economicamente
molto più in salute».
«Il territorio peligno è da anni in lotta con una situazione economica drammatica - ha precisato Pelino nel corso di una conferenza stampa -, con un tasso di disoccupazione che
sfiora il 30% ed è il più alto della regione. Sulmona ha sicuramente la priorità rispetto alle altre città abruzzesi per essere inserita tra i Comuni che devono essere aiutati per
poter far ripartire l'economia».
Diventare Zona franca urbana significa, per un'impresa, essere esentati da Irap, Ici, dal versamento dei contributi previdenziali e dalle imposte sui redditi per cinque anni.
Sulla riconversione industriale dell'ex sito produttivo Finmek, Pelino ha sottolineato che dal Ministero stanno valutando le varie proposte tuttora percorribili, anche quella relativa al
progetto presentato dall'imprenditore di Avezzano, Antonio Rubeo, che prevede la realizzazione di un parco commerciale con 350 posti di lavoro.

02/09/2008 14.22