Chieti, al via riqualificazione della Villa comunale

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

6705

GUARDA COME SARA'. CHIETI. La Villa Comunale di Chieti sarà interessata da un progetto di riqualificazione architettonica per una spesa complessiva di 2,5 milioni di euro.


GUARDA COME SARA'. CHIETI. La Villa Comunale di Chieti sarà interessata da un progetto di riqualificazione architettonica per una spesa complessiva di 2,5 milioni di euro.Il progetto, firmato dall'architetto Dario Di Luzio e dall'ingegner Angelo Di Monte, è stato presentato in conferenza stampa dall'assessore comunale ai Lavori pubblici, Luigi Febo, alla presenza del suo collega con delega al Verde pubblico, Giuseppe Giampietro.
Il primo lotto - spesa 1,2 milioni - prevede il rifacimento dei laghetti, con pesci e oche che nel frattempo sono stati trasferiti presso l'oasi di Serranella, il rifacimento dei percorsi pedonali e il restauro della fontana sotto al Museo archeologico nazionale.
Il secondo lotto - il cui avvio è previsto per ottobre - prevede il rifacimento della fontana monumentale e la sistemazione di via Paolucci e viale IV novembre, che attraversano la Villa.
Oggi sono cominciati i lavori di demolizione e ricostruzione dei gabinetti pubblici.
Il progetto prevede un nuovo impianto di illuminazione e l'adozione di materiali - travertino, porfido e pietra lavica - legati alla storia della Villa.
L'assessore Febo ha assicurato che verrà salvaguardato il verde esistente e che, proprio per tutelare la vegetazione, la Giunta rinuncerà alla costruzione di un parcheggio interrato.
In occasione della conferenza stampa, la sezione teatina del Wwf ha consegnato a Febo un documento con cui invita l'amministrazione comunale a salvaguardare il verde e le specie animali che si trovano nella Villa e propone di realizzare al suo interno un vero e proprio "giardino abitato".

31/07/2008 10.44

VIGNALI: «INUTILE SPERPERO DI DENARO PUBBLICO»

«Il progetto rappresenta soltanto un immenso sperpero del pubblico denaro che, se non verrà eseguito a dovere rischia di stravolgere l'assetto storico di fine '800 in stile "Belle Epoque" di Villa Frigerj», questo il commento di Cristiano Vignali, responsabile regionale della Fiamma Tricolore.
«Sarebbe bastata una costante e seria manutenzione nel tempo dell'area in ogni suo aspetto e non uno stravolgimento completo, per mantenere bella e funzionale la Villa, che va ricordato, venne "rimessa a nuovo"
solo nel 1995, non cent'anni fa e che, da un paio d'anni a questa parte, con l'avvento dell'attuale amministrazione comunale, è degradata sempre più a causa dell'incuria di chi dovrebbe occuparsene, ma, evidentemente, non lo ha fatto a dovere».
«Invece di pensare a questi progetti faraonici», chiude Vignali, «il Comune intervenga a eliminare i rifiuti, la sporcizia, ed altre pessime condizioni esistenti alla Villa, brutte e pericolose per la gente e ad affrettarsi a compiere i lavori di rifacimento totale dei bagni pubblici, richiesti a gran voce dalla cittadinanza nella petizione di sabato 19 luglio 2008, organizzata dal sottoscritto».


01/08/2008 9.23


[url=http://picasaweb.google.com/donlisander8/Chieti_villa_comunale_progetto/photo#s5229102834336018146]GUARDA COME SARA' LA NUOVA VILLA COMUNALE[/url]