Un grosso centro direzionale nel cuore della Val di Foro

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1026

VACRI. Quattro lotti funzionali, quasi otto ettari di terreno interessati nel cuore della Val di Foro, spazi e strutture al servizio del cittadino e soprattutto delle imprese.
Sono queste, in sintesi, le caratteristiche del Centro Multifunzionale «Val di Foro – L'antica fornace», che è in progettazione all'interno del territorio comunale di Vacri, in sinergia con l'Unione dei Comuni delle Colline Teatine.
Il progetto, che fa parte dell'attività promossa dell'Ufficio per la programmazione e la pianificazione dello Sviluppo Locale dell'Unione dei Comuni delle Colline Teatine, sarà posto in discussione domani pomeriggio, 25 luglio, a partire dalle 17.30 presso il Centro Sociale di Vacri, in piazza Duca degli Abruzzi.
A confrontarsi attorno alle prospettive di un tale intervento saranno i rappresentanti della politica (i senatori Giovanni Legnini, Alfonso Mascitelli, Fabrizio Di Stefano, l'assessore regionale all'Agricoltura, Marco Verticelli, i consiglieri regionali Mario Amicone, Franco Caramanico, Camillo D'Alessandro, il presidente della Provincia, Tommaso Coletti), delle amministrazioni locali (i sindaci dell'Unione dei Comuni delle Colline Teatine), del mondo dell'imprenditoria (il presidente della Camera di Commercio, Dino Di Vincenzo, il presidente del GAL Majella Verde, Tiziano Teti).

LA STRUTTURA

Il Centro Multifunzionale «Val di Foro – L'antica fornace» si sviluppa in quattro grandi sub-aree: il padiglione principale che avrà funzioni direzionali, con centro congressi, uffici per enti e associazioni, stand espositivi di prodotti tipici; il villaggio commerciale con strutture di piccola e media dimensione che avranno a disposizione showroom, piccoli negozi, uffici, ristorante, percorsi verdi, parcheggi; l'area artigianale con strutture fisse di media e grande dimensione; un'area all'aperto con strutture fisse per manifestazioni fieristiche, sagre, eventi musicali.
«Il Comune di Vacri – ha sottolineato il sindaco, Antonio D'Aristotile – nel cuore della vallata del Foro si sviluppa lungo uno degli assi viari più importanti dell'intera area ricompresa tra l'area montana e la fascia costiera, attraversata dall'ex statale 263. La necessità di attivare politiche corrette per una migliore gestione del territorio ci hanno indotto, in sinergia con l'Unione dei Comuni delle Colline Teatine, di cui facciamo parte, ad individuare un'area che possa divenire un punto di riferimento per gli interessi dell'intera Val di Foro con spazi e strutture in grado di cogliere ancor meglio le potenzialità dell'area».
24/07/2008 12.12