Tentano di incendiare bar, arrestati in due

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1209

MANOPPELLO. Ieri sera durante un servizio di controllo del territorio, una pattuglia dei Carabinieri di Manoppello, nei pressi del bar “Jolly Florence”, nella frazione Scalo, in via Moro, ha notato un uomo risalire velocemente su un’autovettura ferma davanti al negozio.

I militari hanno bloccato l'autovettura: alla guida c' era un altro uomo. Alla richiesta di chiarire le ragioni della loro presenza sul posto i due hanno raccontato di impellenti bisogni fisiologici.
Ma i carabinieri hanno ispezionato l'ingresso del bar dove è installato il grande gazebo di legno, è hanno sentito un forte odore di benzina. La porta del gazebo era stata completamente bagnata dal liquido infiammabile.
Sottoposti a perquisizione, all'interno dell'autovettura i militari hanno trovato una bottiglia di plastica contenente altra benzina e, sotto al sedile del conducente, degli stracci, ciascuno con un nodo, che dovevano servire per appiccare il fuoco.
I due, Carlo Persante, 30enne pregiudicato di Manoppello, e Pino Marcoaurelio, 28enne pregiudicato di Montesilvano sono stati arrestati.
Il titolare del bar ha dichiarato di non aver mai subito minacce o richieste estorsive, nonostante sia stato oggetto di altri attentati. Lo stesso bar, nei mesi di marzo 1996 e di ottobre 1998 fu oggetto prima un incendio e poi di un attentato con un ordigno esplosivo.
Sono necessarie ulteriori indagini per chiarire il movente che ha indotto i due a compiere l'atto criminale, dal momento che nessuno dei due ha spiegato i motivi del gesto.
15/07/2008 14.34
UN ARRESTO PER DROGA AD ALBA ADRIATICA

Un arresto per droga ad Alba Adriatica. Il giovane, di 22 anni, originario di Milano, e' stato sorpreso dalla guardia di finanza di Teramo mentre, in compagnia di due amici,estraeva dal marsupio due confezioni di circa due grammi di sostanza stupefacente. Immediatamente perquisito, le Fiamme Gialle hanno trovato altre confezioni della stessa sostanza.
E' cosi' scattata la perquisizione domiciliare, che ha consentito di rinvenire ulteriori 66 grammi di hashish, un bilancino di precisione e la strumentazione da taglio. Il giovane e' stato condotto alla casa circondariale di Castrogno con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Sono tuttora in corso le indagini della Guardia di Finanza.
15/07/2008 14.44